lunedì 27 novembre 2017

Concorso per illustratori e fumettisti

L’editore multimediale Ala Bianca e l’Istituto “Ernesto de Martino” di Sesto Fiorentino (FI) presentano “Ama chi ti ama - I tempi della vita cantati dalle donne”, concorso per giovani illustratori e fumettisti sul tema della donna nella canzone popolare italiana.

La donna, nella canzone popolare italiana è protagonista. All’interno di questo patrimonio culturale la figura femminile è al centro di un racconto che va oltre la sfera del quotidiano e degli affetti e diventa testimonianza di creatività, passione, impegno civile e sociale. In occasione dell’8 marzo 2018, su questo tema Ala Bianca pubblicherà un cd con 43 brani tratti dallo storico catalogo dei Dischi del Sole (Edizioni Ala Bianca - Bella Ciao), la prestigiosa collana che a partire dagli anni Sessanta ha fatto conoscere al pubblico italiano un vasto repertorio di musica popolare e pubblicato opere di una nuova generazione di autori ed interpreti di canti folk e d’autore, sociali e di protesta.

I fumettisti e gli illustratori in età compresa fra i 15 e 35 anni, sono invitati a partecipare al concorso illustrando un brano assegnato loro dall’organizzazione e un secondo scelto a piacimento tra quelli elencati sul sito ufficiale. La scadenza per l’invio delle opere è il 20 dicembre 2017.

Le opere selezionate dalla giuria presieduta da Lorena Canottiere (autrice dell’immagine di copertina) verranno pubblicate nel libretto a corredo di ognuno dei brani e poi stampate su tavole di 30 × 30 cm incorniciate ed esposte in mostre itineranti in occasione di eventi di presentazione del progetto, per proporre e far conoscere ai ragazzi di oggi canzoni sconosciute ai più, lontane dai loro tempi e ritmi di vita, grazie a un nuovo sguardo offerto loro da coetanei di una nuova generazione di illustratori, fumettisti, disegnatori e vignettisti.

Il Regolamento completo e i materiali per partecipare al concorso sono disponibili sul sito ufficiale.

sabato 25 novembre 2017

Lucca Comics & Games 2017, com’erano le mostre

A ideale completamento del reportage esclusivo di FdC n.268 ora in edicola e fumetteria, vi forniamo un gustoso “extra” firmato dal nostro amico ed esperto Giovanni Nahmias:

Due sono i denominatori comuni, a volerli cercare, delle 7 mostre viste alla scorso fiera di Lucca, tanto diverse tra loro da esser indicate nello schema di presentazione all’ingresso in riquadri a scacchiera, quasi possano toccarsi solo con gli angoli. Il primo è a Palazzo Ducale: le sue stanze regali, i soffitti affrescati, le tele centenarie sono un velo di storia passata ma caldo, colorato e autorevole che ricopre ogni allestimento. Il secondo è un riferimento condiviso alla cultura pop, intesa come immaginario di massa che si estende a supporti e media che vanno oltre il fumetto, con anime sempre diverse incarnate dalle mode, dalle generazioni, dalle storie personali, dai sogni.

Apre il percorso Michael Whelan, autore del manifesto 2017. Non fa fumetti ma illustrazioni, copertine di dischi e libri, dipinti. Inventore di mondi è un grande artista del “realismo immaginario” e sa condensare in un’immagine i romanzi di Asimov, King, Lovecraft, Burroughs. Una mostra distinta, attraversata da un’intervista su diversi pannelli con disegni d’impatto, impeccabili, spettacolari, mai inquietanti e tutti con un pizzico di ironia e un forte potenziale narrativo.

Altro viaggio tra mondi possibili è la mostra di Igort, autore dalla forte personalità, che ama mettersi alla prova con storie sempre diverse per contesto, atmosfere, ritmo, tecnica e perfino gamma cromatica. Nonostante questo, l’eleganza vince su ogni ecclettismo e la sua mano è sempre riconoscibile. Igort a Lucca quest’anno ha presentato la nuova Oblomov Edizioni di cui è direttore artistico, con un catalogo che rispecchia perfettamente i suoi gusti raffinati.

Forse la mostra più compiuta e corposa è quella dedicata a Federico Bertolucci (l’italiano più nominato di sempre agli Eisner Awards, da poco intervistato su FdC n.259 e che abbiamo avuto il piacere di premiare personalmente lo scorso settembre con il 25° Premio U Giancu come miglior disegnatore), di cui si ripercorre tutta la carriera: d’impostazione tradizionale, con la matita è in grado di fotografare la realtà (quasi solo del mondo animale, con grande coerenza, pur spaziando tra generi narrativi diversi) in modo sempre toccante, isolando l’attimo più a fuoco: sa emozionare o raccontare una storia anche senza parole. Così sono i libri della serie Love (in Italia da Edizioni BD): in mostra i disegni a matita che l’autore compone e colora digitalmente nella tavola definitiva (bella l’idea di affiancare a ogni originale la riproduzione in scala ridotta della tavola pubblicata). Ci sono anche originali dalle altre esperienze editoriali (precedenti e successive), i quaderni d’artista (densi di disegni e spunti) e un’intervista video.

Autori di best seller, vincitori di Eisner Award, capaci di raccontare l’infanzia con romanzi di formazione che raggiungono il cuore di moltissimi giovani lettori in tutto il mondo: tutto questo accomuna il giapponese Taiyō Matsumoto (autore di Sunny) e la californiana Raina Telgemeier (12 milioni di copie vendute! Qui presentava l’ultimo libro Fantasmi): entrambi riconoscono un ruolo di protagonista all’amore come motore delle relazioni (in famiglia, tra amici, nella società). Le mostre che ce li raccontavano non potevano che avere il sapore di un assaggio, ma lo spessore artistico e la sostanza narrativa erano evidenti e ben valorizzati dagli allestimenti (entrambi con video a supporto).

Molto lontani tra loro (davvero?) invece gli ultimi due artisti: il mondo di Arianna Papini, illustratrice di pregio, con più di cento libri all’attivo, è fatto di colori pieni, animali in posa, ritratti con forme e in formati diversi. C’è una magia diffusa che ha il sapore dei sogni dei bimbi, dove le misure sono fuori registro e la simpatia ha una punta di malizia. Una mostra rigenerante.

Sio invece si è inventato un piccolo gioiellino: la mostra in una stanza per illustrare il suo viaggio “nel circolo polare artico”. La simpatia del racconto, la documentazione (dalle mappe alle foto), la maestria nel rendere il senso di un viaggio tra amici in dettagli divertenti e in flash a fumetti nel suo stile essenziale, sanno coinvolgere spettatori di tutte le età, con leggerezza e intelligenza.
Le mostre lucchesi sono sempre molto interessanti per gli stimoli di cui sono ricche, anche se forse manca – in un contesto anno dopo anno sempre più importante e istituzionale - qualcosa di meno legato al panorama contemporaneo e commerciale (sacrosanto) e più storico e analitico: il fumetto è arte centenaria e in un mosaico di mostre la tessera del classico o della riscoperta ci sta sempre bene (per capirci, come lo scorso anno l’omaggio raffinatissimo a Kamimura Kazuo).


giovedì 23 novembre 2017

“Fumo di China” n.268 in edicola e fumetteria

Come ogni fine mese, sta arrivando nelle migliori edicole e fumetterie d’Italia il nuovo FdC n.268, con una splendida copertina inedita di Stefano Turconi.

Dopo un editoriale sulle più recenti movimenti editoriali nel mercato del fumetto italiano, la striscia Paputsi firmata da Davide Barzi con Luca Usai & Gianfranco Florio e le tradizionali news dal mondo (Italia, Francia, Stati Uniti e Giappone, fra cui molte ben poco segnalate!), una lunga intervista alla coppia d’assi Teresa Radice & Stefano Turconi per la loro nuova fatica insieme Non stancarti di andare occupa l’intero dossier del mese, seguito da un nuovo incontro con autori che hanno debuttato su FdC per i 40 anni dalla rivista (scaricate sul nostro sito l’index 1978-2017 con l’elenco di tutti gli autori e i personaggi di cui abbiamo parlato fin qui in questi decenni!) dedicata all’affascinante Vanna Vinci.

Spazio poi a un’intervista inedita a Kieron Gillen (dai videogiochi alla Marvel, agli dèi di The Wicked + The Divine) e a un affettuoso ricordo “dietro le quinte” di Flo Steinberg (invisibile ma imprescindibile segretaria-redattrice di Stan Lee), un approfondimento ricco di curiosità sulla nuova collana Dragonero Adventures con gli autori Luca Enoch & Stefano Vietti, una lunga analisi della recente edizione della multiforme fiera Lucca Comics & Games 2017, la continua riscoperta dei 100 anni del signor Bonaventura (tra fumetti e altri media) e numerosi approfondimenti sul cinema d’animazione: un colloquio con Mehmet Kurtulus & Ayse Ünal sul film turco Bad Cat e gli exploit italiani di East End di Luca Scanferla e Giuseppe Squillaci e Gatta Cenerentola, oltre alla storia dal fumetto al film del giapponese In questo angolo di mondo.

E ancora, le nostre abituali 7 pagine di recensioni per orientarsi nel mare magnum del fumetto proposto nelle edicole, fumetterie e librerie italiane, le rubriche pungenti come “Strumenti” (sulla sempre più numerosa saggistica dedicata a fumetto, illustrazione e cinema d’animazione), “Il Suggerimento” (per non perdere di vista uscite sfiziose), “Il Podio” (i top 3 del mese), “Pollice Verso” (un exploit in negativo), “Il Rinoceronte in carica” (la rubrica di Daniele Daccò, direttore editoriale del portale giornalistico Orgoglio Nerd), “sFUMature” (la nuova rubrica disegnata di Giuliano Piccininno sul pazzo mondo dei fumetti e dei suoi abitanti), approfondimenti puntuali (questa volta sul Perfect Book di Ghost in the Shell, più i romanzi grafici di Emanuel Guibert, un curioso libro sui Restauratori e I tre moschettieri dell’animazione nipponica)... e le strisce di Renzo & Lucia, con testi & disegni di Marcello!

Tutto questo e altro ancora (anche acquistabile via PayPal dal nostro sito rinnovato!), a soli 4 euro: buona lettura!

martedì 31 ottobre 2017

Francesco e Lutero... in mostra a Lucca Comics!

Ci sono anche due fra i maggiori personaggi storici del Cristianesimo fra i protagonisti di Lucca Comics & Games di quest’anno, in un’iniziativa ecumenica organizzata dal Centro culturale “Pietro Martire Vermigli”, dalla diocesi cattolica e dalla Chiesa valdese che sarà inaugurata il 31 ottobre alle 17.30 nel tempio valdese di via Galli Tassi 50 e rimarrà aperta fino al 5 novembre. Nei giorni della festa della cultura pop più importante d’Europa, le due mostre “Nostro fratello d’Assisi” (un’antologia con i disegni di grandi autori dedicate a San Francesco) e “Lutero 500 anni dopo” (esposizione delle tavole di Filippo Cenni per l’albo Lutero pubblicato in Italia da Mondadori) sono l’occasione per uno scambio fraterno tra la comunità cattolica e quella valdese proprio a 5 secoli dalla Riforma.

La mostra su Lutero sarà allestita nella chiesa cattolica di San Cristoforo (in via Fillungo) offrendo, attraverso le tavole di Cenni (e una selezione di pagine dell’albo a colori), una suggestiva narrazione del percorso del grande riformatore, affascinante parte grafica dell’albo realizzato per l’editore francese Glénat con lo sceneggiatore Olivier Jouvray e lo storico Matthieu Arnold.

La mostra su Francesco, curata da Cartoon Club di Rimini che ogni anno organizza Riminicomix e ogni mese la rivista Fumo di China, sarà ospitata nel tempio valdese (in via Galli Tassi) con una panoramica di come grandi disegnatori abbiano interpretato il “poverello d’Assisi”: da Franco Caprioli ad Altan, da Dino Battaglia a John Buscema. Significativa anche la data scelta per l’inaugurazione: proprio il 31 ottobre di 500 anni fa, infatti, Martin Lutero affisse le 95 tesi sulle indulgenze, data che viene considerata l’inizio della Riforma protestante. Qui e qui alcuni minuti di filmati dell’inaugurazione dal nostro collaboratore Roberto Davide Papini.

Dopo l’antipasto con “Uno sguardo protestante sul fumetto” (prima esperienza avviata nel 2016 dal Centro “Vermigli” e dalla Chiesa valdese di Lucca, sulla scia del progetto condiviso “Fede e pensiero al presente”), l’iniziativa si inserisce nel solco della “nuova primavera ecumenica” che in questo 2017 ha visto molte occasioni in cui cattolici (a partire da papa Francesco) e protestanti hanno riflettuto insieme sull’attualità della Riforma, una cosa impensabile appena pochi anni fa.

Così, nel pomeriggio di sabato 4  novembre, alle 17, nella chiesa di San Cristoforo si terrà un incontro ecumenico di preghiera, canti, comunione e... fumetti, alla presenza delle due comunità e alla quale sono invitati i lucchesi e i visitatori di Lucca Comics & Games!

lunedì 23 ottobre 2017

“Fumo di China” n.267 in edicola e fumetteria

Come ogni fine mese, sta arrivando nelle migliori edicole e fumetterie d’Italia il nuovo FdC n.267, con una splendida e “diabolika” copertina inedita di Riccardo Nunziati.

Dopo un editoriale sulla mostra romana Mangasia e le tradizionali news dal mondo (Italia, Francia, Stati Uniti e Giappone, fra cui molte ben poco segnalate!), le interviste a Mario Gomboli sulle più recenti strategie “diabolike” (compresa la serie tv di Cattleya per Sky) e al disegnatore Riccardo Nunziati danno vita al dossier sui 55 anni del Re del Terrore, seguito dall’esordio di una serie di incontri in esclusiva su FdC (scaricate sul nostro nuovo sito l’index 1978-2017 con l’elenco di tutti gli autori e i personaggi di cui abbiamo parlato fin qui in questi decenni!) dedicati agli autori italiani più dediti al cosiddetto graphic journalism: si parte con Lelio Bonaccorso, autore per BeccoGiallo dell’intenso Sinai.

Quindi spazio a una lunga chiacchierata con Francesco Matteuzzi a partire dal suo fresco romanzo a fumetti Desert Route e a diverse altre nuove opere, un approfondimento sull’arte dello spagnolo Marcos Mateu-Mestre, tra cinema d’animazione e fumetti, nonché di un copioso “dietro le quinte” della storia conclusiva della saga di Lazarus Ledd insieme allo sceneggiatore Gianni Barbieri e alla disegnatrice Sara “SaX” Guidi (con le pagine conclusive ideate da Leo Ortolani!) e una lunga analisi dell’Eternauta, in occasione della riedizione italiana per il suo 60°, firmata dallo scomparso Carlos Trillo in un’edizione argentina nel 2004. Poi un riassunto inedito dei primi 5 anni del progetto Comics&Science direttamente dalla voce dell’editor Andrea Plazzi (fra i fondatori di FdC nel 1978) e di Roberto Natalini, direttore dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo al CNR.

E ancora, le nostre abituali pagine di recensioni per orientarsi nel mare magnum del fumetto proposto nelle edicole, fumetterie e librerie italiane, le rubriche pungenti come “Il Suggerimento” (per non perdere di vista uscite sfiziose), “Il Podio” (i top 3 del mese), “Pollice Verso” (un exploit in negativo), “Il Rinoceronte in carica” (la rubrica di Daniele Daccò, direttore editoriale del portale giornalistico Orgoglio Nerd), il nuovo spazio illustrato da Giuliano Piccininno (ogni volta una vignetta, una striscia o una mezza tavola sul pazzo mondo del fumetto), approfondimenti puntuali (questa volta su due volumi di Paolo Cossi che uniscono mirabilmente musica & fumetto e un altro in prosa dedicato a Martin Mystère)... per non perdere di vista nessun aspetto nel mondo della Nona Arte in Italia!

Tutto questo e altro ancora (anche acquistabile via PayPal dal nostro sito rinnovato!), a soli 4 euro: buona lettura!

martedì 17 ottobre 2017

Bookacomic, il crowdpublishing per fumetti

Lettori e autori di fumetti e graphic novel, giovani esordienti e affermati professionisti: in un settore dell’editoria non facile come quello del fumetto, una piattaforma virtuale unisce i due capi del processo creativo, autori e fruitori, nella realizzazione di progetti di qualità.

Grazie alla collaborazione tra bookabook e Comics&Business, è nata infatti bookacomic, la prima piattaforma di crowdpublishing italiana destinata esclusivamente alla realizzazione di fumetti e graphic novel. Un vero e proprio luogo di incontro, nel quale i lettori appassionati si vedranno coinvolti nei retroscena e nelle scelte di pubblicazione, mentre autori, più o meno affermati, potranno trovare il sostegno del proprio pubblico. Special guest del lancio ufficiale saranno Emanuel Simeoni, Andrea Scoppetta e Roberto Gagnor, i primi tre autori scelti per il lancio di bookacomic.

E quale occasione migliore per presentare al grande pubblico questa novità assoluta se non Lucca Comics & Games, lo storico festival internazionale del fumetto, cinema di animazione, illustrazione e gioco, divenuto oramai appuntamento imperdibile nelle agende di migliaia di appassionati? Il progetto bookacomic sarà presentato domenica 5 novembre dalle 16 nella Sala Eventi Caffetteria di Palazzo Ducale.

mercoledì 11 ottobre 2017

“Alias Comics” non lascia, raddoppia!

Grandi notizie per tutti i lettori di Alias Comics, il supplemento a fumetti del quotidiano il manifesto che da giugno e settembre ha riportato in auge la formula dei magazine d’autore: martedì 31 ottobre sarà in edicola Alias Comics - Nuova formula extra!, speciale brossurato di 128 pagine a colori che a soli € 8,50 raccoglierà tutte le storie già uscite sulla rivista, oltre a numerosi “dietro le quinte”: bozzetti, matite e storyboard realizzati nel corso della lavorazione, curiosità e aneddoti dalla viva voce degli autori, “pillole” di creatività… il tutto, in un formato A4 perfetto per valorizzare i fumetti e far bella mostra di sé in libreria.

Inoltre venerdì 3 novembre alle ore 11, nella prestigiosa cornice di Lucca Comics & Games 2017, Andrea Voglino e Diego Cajelli (Bravado), Onofrio Catacchio (Stella Rossa), Stefano Zattera (Brenda Cowgirl), Ariel Vittori (Oltregomma) e ospiti speciali incontrano il pubblico per parlare del futuro e omaggiare 25 fortunati con 25 copie firmate del volume.

Ma non solo: al netto di questo speciale celebrativo, la buona notizia è che l’avventura editoriale di Alias Comics non finisce quest’anno. Data l’accoglienza lusinghiera riservata all’inserto dal pubblico, la redazione sta già lavorando per riportarlo presto in edicola con nuove storie e nuovi autori. Per gli aggiornamenti del caso, è possibile visitare la pagina Facebook ufficiale dell’intero inserto culturale Alias.

Perché il buon fumetto non finisce mai!

mercoledì 4 ottobre 2017

Gli Autobus del Jazz illustrati da Lorenzo Mattotti

Dopo Gianluigi Toccafondo, è toccato all'autore del recente Ghirlanda (la cui lavorazione è in mostra a Ivrea fino a dicembre) griffare la livrea gialla dei due bus di linea che girano per le strade in occasione del Bologna Jazz Festival. I due jazz bus, frutto della collaborazione tra BJF, BilBOlbul e TPER, continueranno i loro percorsi urbani su linee ogni giorno diverse sino alla fine della kermesse jazzistica bolognese (il 19 novembre).

L’idea dei jazz bus prese forma per la prima volta nel 2010. Ma dal 2013 quella che inizialmente era una appariscente forma di promozione si è trasformata in una vera e propria opera d’arte: l’interno dei jazz bus viene infatti allestito come fosse una galleria d’arte su ruote, con lavori degli artisti di volta in volta invitati dal festival. Mattotti ha così realizzato disegni appositi e ispirati ai temi musicali del festival jazz bolognese. Le opere disegnate da Mattotti saranno protagoniste non solo sugli Autobus del Jazz: dai primi di ottobre saranno anche affisse nelle bacheche del centro cittadino in collaborazione con Cheap on Board, il festival dedicato alla street poster art, diventando così un artistico arredo urbano. E l’autore sarà personalmente a Bologna il 20 ottobre in occasione dell’inaugurazione della mostra “Primi lavori”, ospitata dall’Accademia di Belle Arti sino al 26 novembre. La mattina di sabato 21 ottobre, Mattotti terrà un incontro in Sala Borsa sul rapporto tra musica e disegno.

Il lavoro di Mattotti sin dagli esordi si è affiancato alla musica, una passione che ha accompagnato il disegnatore per tutta la vita. Dai primi manifesti per i concerti di amici alla collaborazione con Lou Reed per The Raven alla trasposizione in immagini di A Hard Rain’s A-Gonna Fall di Bob Dylan, si può cogliere un filo rosso costante che attraversa tutto il suo lavoro. Ma, al di là delle intersezioni esplicite con il mondo musicale, è un’influenza più sottile quella che innerva il suo lavoro, sul piano delle atmosfere e delle logiche compositive. Il suo primo capolavoro, quel Fuochi che è stato una rivoluzione nel mondo internazionale del fumetto, non sarebbe stato tale senza i dischi di Peter Gabriel della prima metà degli anni Ottanta, così come la sua “linea fragile” deve le sue spezzature e tremolii all’andamento obliquo delle canzoni di Robert Wyatt.

Il suo ultimo lavoro, Ghirlanda, incarna al massimo una logica compositiva musicale nell’accostamento di pieni e vuoti, di linee sottili e fitti tratteggi, di fluidità e frattura. Ancora una volta Mattotti si è dimostrato capace di rinnovare il proprio approccio dando vita a immagini fortemente espressionistiche, dal segno scuro e violento, quasi a voler dare espressione, con il gesto, alla fisicità dell’atto improvvisativo. Non sono immagini che accarezzano lo sguardo dello spettatore, piuttosto gli piombano addosso, giocando sul nero profondo delle linee e sulla deformità delle figure. Ne vengono fuori “musicisti mostri”, creature ancestrali, ritratte nella torsione di chi sprigiona un suono che sembra venire dalla terra.


mercoledì 27 settembre 2017

Le ceramiche di Valentina

Vi piacerebbe ammirare Valentina Rosselli, l’immortale creazione di Guido Crepax apparsa per la prima volta sul mensile linus nel 1965, alle pareti del vostro salotto, in sala da pranzo... o persino in bagno?

Il sogno è già realtà, grazie a una delle grandi aziende di settore, la Ceramica Faetano di San Marino (del Gruppo Del Conca), che ha infatti ideato la serie Valentina by Guido Crepax, dedicata all’emozionante personaggio a fumetti divenuto ben presto icona di stile. «Il suo stile, originale e d’avanguardia – dicono alla Faetano – la rende oggi ancora incredibilmente attuale», ed è verissimo. E così la bellissima con il caschetto alla Louise Brooks rivive in una collezione glamour, caratterizzata dal classico bianco e nero con il quale l’architetto Crepax l’ha resa immortale, e disponibile in due decori.

Il primo (da 50 x 20 cm) da posare in verticale, dominato dalla splendida fisicità del personaggio. Il secondo (da 20 x 50 cm) da posare in orizzontale, dove lampi di rosso rimandano alla cura dell’autore per il dettaglio e alla rottura che il suo segno ha rappresentato nel panorama del fumetto mondiale. Qui sotto alcuni altri esempi per... rifarsi gli occhi!


venerdì 22 settembre 2017

“Fumo di China” n.266 in edicola e fumetteria

Come ogni fine mese, sta arrivando nelle migliori edicole e fumetterie d’Italia il nuovo FdC n.266 con una splendida copertina inedita del sempre accattivante Riccardo Crosa.

Dopo un editoriale in ricordo del nostro collaboratore Salvatore Oliva (ma anche di gioia per il fumetto di Rat-Man nello spazio!) e le tradizionali news dal mondo (Italia, Francia, Stati Uniti e Giappone, più il ritorno della rivista Trumoon!), l’intervista a Federico Memola e un suo appassionato ricordo di Giacomo Pueroni (scomparso lo scorso 18 febbraio) danno vita al dossier sui 20 anni di Jonathan Steele, seguito dall’ormai noto ulteriore dossier sui 40 anni di FdC (scaricate sul nostro nuovo sito l’index 1978-2017 con l’elenco di tutti gli autori e i personaggi di cui abbiamo parlato fin qui in questi decenni!) che ci accompagnerà fino alla ricorrenza del febbraio 2018: stavolta l’autore che ha debuttato su FdC è Mario Alberti. 

Quindi spazio a un’inedita chiacchierata con Roberto Baldazzini in occasione di un suo artbook pubblicato nel mercato anglosassone, l’incontro con il multiforme Andrea Romoli e un’intervista esclusiva a David Messina sul suo passaggio alla testata USA di Wonder Woman, prima di un curioso “dietro le quinte” della grande esposizione “Batman: Oscurità e luce” (a Città di Castello dal 16 settembre) e una lunga analisi dei due Captain America di Nick Spencer, in collaborazione con LoSpazioBianco. 

E ancora, le nostre abituali 7 pagine di recensioni per orientarsi nel mare magnum del fumetto proposto nelle edicole, fumetterie e librerie italiane, le rubriche pungenti come “Strumenti” (sulla sempre più numerosa saggistica dedicata a fumetto, illustrazione e cinema d’animazione), “Il Suggerimento” (per non perdere di vista uscite sfiziose), “Il Podio” (i top 3 del mese), “Pollice Verso” (un exploit in negativo), “Il Rinoceronte in carica” (la rubrica di Daniele Daccò, direttore editoriale del portale giornalistico Orgoglio Nerd), “Small Press Italia” (sulle produzioni indipendenti, a cura del Centro Fumetto “Andrea Pazienza” di Cremona), approfondimenti puntuali (questa volta su un William Shakespeare in “neo-fumetto”, i Puffi “collaterali” a La Gazzetta dello Sport e l’uscita in home video di Occhi di gatto e Sam il ragazzo del West)... per non perdere di vista nessun aspetto del brulicante mondo della Nona Arte in Italia!

Tutto questo e altro ancora (anche acquistabile via PayPal dal nostro sito rinnovato!), a soli 4 euro: buona lettura!

giovedì 21 settembre 2017

Nasce la collana Feltrinelli Comics

Dopo aver conquistato un pubblico sempre più ampio, attento e appassionato, il fumetto ha una nuova collana: Feltrinelli Comics, che debutterà in libreria a inizio 2018 con una serie di volumi (di cui una decina già in lavorazione), che arriveranno nel corso dell’anno.

Curata da Tito Faraci (scrittore e sceneggiatore di Topolino e Tex fra gli altri), Feltrinelli Comics ha già in programma volumi firmati da grandi nomi del fumetto italiano come Roberto Recchioni (attuale curatore di Dylan Dog), Giacomo Bevilacqua (autore di A Panda piace), Sio (anima dello Scottecs Megazine), Marco Rizzo e Lelio Bonaccorso (firme del volume Peppino Impastato: un giullare contro la mafia). Ma Feltrinelli Comics apre anche una strada maestra tra letteratura e fumetto, con libri firmati da Daniel Pennac e Pino Cacucci. E il raggio di azione si allargherà anche alla musica, con Lo Stato Sociale e Luca Genovese, al cinema e allo sport. Il tutto raccontato con il fumetto.
                       
Feltrinelli Comics sarà presentata alla prossima Lucca Comics & Games venerdì 3 novembre, alle ore 15 presso l’Auditorium Banca del Monte, in compagnia degli autori Recchioni, Bevilacqua,  Rizzo, Bonaccorso e dello stesso curatore Faraci.

mercoledì 20 settembre 2017

2° Manuscripta, il Festival della Letteratura a Fumetti

Torna il festival Manuscripta il 5-8 ottobre con tanti autori ospiti a Martina Franca (TA) e la sua mostra collettiva a finalità benefica “Ilvarum Yaga: 100 disegnatori contro la Strega Rossa” che in realta ha già superato le cento adesioni e ha una pagina Facebook dedicata. Il personaggio rappresenta una metafora dell’Ilva e dei suoi effetti inquinanti sulla città di Taranto e in particolare sulla salute dei bambini del quartiere Tamburi che sorge a ridosso dello stabilimento siderurgico.

I bambini che vivono e crescono nel Quartiere Tamburi, oltre ad essere soggetti alle malattie causate dall’inquinamento, sono anche colpiti da una particolare patologia che, nei primi anni di vita, riduce di circa il 10% il loro quoziente intellettivo. L’unica “cura” possibile è quella di stimolare le cellule della corteccia cerebrale con impulsi esterni come la lettura ad alta voce. Scopo dell’iniziativa è raccogliere fondi per l’allestimento di una biblioteca inizialmente collocata nella sala d’aspetto dello studio pediatrico del quartiere e in seguito spostata nel parco giochi che sarà costruito a breve. I giochi saranno di un tipo molto particolare: con meccanismi di auto-pulizia per l’eliminazione delle polveri rosse che si depositano su tutto il quartiere. Da qui l’idea di creare una mostra collettiva finalizzata a raccogliere fondi per il progetto Nati Per Leggere, che si occuperà dell’acquisto di libri per bambini e dell’organizzazione della biblioteca con una squadra di lettori volontari.

Per reperire fondi è stato chiesto a oltre cento disegnatori di rappresentare liberamente con una tavola Ilvarum Yaga (la Strega Rossa capace di trasformarsi in vento e polvere), con un’illustrazione unica o una storia autoconclusiva in più vignette. Ogni autore ha disegnato gratuitamente, in bianco e nero o a colori, in formato digitale, con una dedica ai bambini del Quartiere Tamburi. Di ogni file saranno stampate 11 riproduzioni su cartoncino da 300 g: una sarà incorniciata ed esposta in mostra, le altre saranno vendute a 5 euro l’una (prezzo adeguato alle disponibilità economiche dei ragazzi delle scuole che saranno coinvolti per primi). Il ricavato sarà devoluto all’Associazione Culturale Pediatri di Puglia e Basilicata, rappresentata dalla dott.ssa Annamaria Moschetti che provvederà all’acquisto dei libri certificati Nati Per Leggere. La mostra, in accordo con diverse associazioni, sarà poi itinerante su tutto il territorio italiano.

Ilvarum Yaga s’insinua nelle case degli uomini, si nasconde nei corpi dei bambini e lentamente si nutre delle loro vite. L’interpretazione della strega è totalmente libera come l’ambientazione, che può essere completamente inventata oppure esplicitamente legata alla realtà (il quartiere Tamburi, il siderurgico, la città...).

Per info, l’organizzatore è Piero Angelini, cell. 338.3997887.

martedì 19 settembre 2017

10 anni dopo... Milano è fedele alla Linea!

Osvaldo Cavandoli ci ha lasciato ormai da 10 anni. “Il Cava”, come amava firmarsi e come lo chiamavano i suoi amici (quasi in prevalenza artisti come lui), è ancora molto amato: anche questo reportage lo dimostra.

Mosse i primi passi lavorando a uno dei due primissimi cartoni animati italiani: I fratelli Dinamite, presso lo Studio Pagot. Erano gli anni Quaranta e già il giovane Osvaldo, classe 1920, aveva intuito “cosa fare da grande”. Il passo verso l’animazione pubblicitaria fu inevitabile. A breve passò dai pupazzi animati dei primi spot al personaggio che lo rese famoso, non solo in Italia: La Linea (nata nel 1969). Furono i gloriosi tempi di Carosello (1957-77), in cui il prodotto pubblicizzato diventò un pretesto per portare sul piccolo schermo giovani e meno giovani artisti talentuosi. Il successo della Linea fu tale che una produzione italo-franco-tedesca ne commissionò una serie tv  pluripremiata e solo da poco disponibile in dvd.

Se dalla scomparsa del Cava sono passati 10 anni, dal mitico Carosello ne sono passati addirittura 60. Per celebrare questi due anniversari, la sua Milano, quella che portava nel cuore, ha deciso di dedicargli la prima edizione del Festival Itala, in collaborazione con lo Studiocine Cavandoli e l’agenzia Quipos di Marcelo Raboni: “Per una rinascita delle arti”. Il calendario è molto fitto. Si è partiti dall’inaugurazione della statua della Linea, realizzata dall’artista cileno Patricio Parada e dall’artigiano Simone Pignata in via dei Mercanti, struttura che rimarrà esposta al pubblico fino al prossimo 30 novembre. Ma ci saranno anche delle visite guidate allo Studiocine Cavandoli dal 15 settembre al 15 dicembre, poi spettacoli, musica, presentazione di libri.

All’affollata conferenza stampa di presentazione lo scorso giovedì 14 settembre nella prestigiosa sede comunale di Palazzo Marino, presieduta dalla Bottega Partigiana con La Fabbrica dell’Animazione, hanno partecipato – oltre ai giornalisti, fra cui lo scrivente Marcello Moriondo – il figlio di Osvaldo, Sergio Cavandoli con il gruppo che porta avanti tuttora lo Studiocine. Presenti anche la Quipos, storica agenzia del Cava e diversi amici dell’artista.

Franco Godi, il musicista che ha accompagnato con le sue composizioni tutte le avventure della Linea, ha voluto ricordare gli ultimi anni di Osvaldo, di quando il Cava lo chiamava dalla strada con un fischio e lui si affacciava per scambiare con lui il saluto giornaliero.

Nedo Zanotti, che dell’animazione ha fatto una professione, ha raccontato i primi passi della Linea, che hanno coinciso con la nascita dell’amicizia tra lui e l’Osvaldo.

Bruno Bozzetto, regista e animatore mitico nonché grande amico di Osvaldo, si è soffermato sull’anomalia del fenomeno, cioè del fatto che un’opera artistica come quella della Linea, fosse stata accostata nel riconoscimento quasi esclusivamente tramite il prodotto pubblicizzato più che verso il suo creatore.

Qui sotto, la statua della Linea inaugurata alle ore 18 in via dei Mercanti di fronte a Piazza Duomo a Milano... dove rimarrà fino al 30 novembre. Ciao, Cava!


giovedì 7 settembre 2017

Da Tiferno Comics, crowdfunding con un corto

L’associazione Amici del Fumetto di Città di Castello (PG) ha deciso di intraprendere una campagna di raccolta fondi tramite crowdfunding per un importante evento collaterale della mostra di quest’anno “Batman: Oscurità e Luce”, con splendido poster disegnato da LRNZ, alla quale dedichiamo un ampio servizio sull’imminente FdC n.266 di settembre.

L’evento in questione è il singolare concerto della Banda Rulli Frulli che aprirà il weekend dedicato alla mostra mercato Tiferno Comics Fest & Games venerdì 13 ottobre in Piazza Matteotti a Città di Castello dalle ore 21, con ingresso gratuito. Si tratta di un gruppo di 70 ragazzi fra gli 8 e i 25 anni, anche diversamente abili, che la musica ha unito in questo progetto di sperimentazione, integrazione e riutilizzo creativo di materiali di recupero. Non ci sono solisti supereroi e non ci sono elementi che spiccano rispetto ad altri: di fronte alla musica hanno eliminano le differenze contribuendo individualmente a dare il massimo impegno. L’associazione Amici del Fumetto ha scelto questa band perché in qualche modo anch’essa è legata all’arte del fumetto: nel 2016 è stato pubblicato infatti un libro a fumetti realizzato da Davide Toffolo, che racconta dal suo punto di vista la storia di questo gruppo la cui notorietà è in costante aumento, ospite in Rai e concerti importanti come quello del Primo Maggio a Roma.

Il crowdfunding scelto è il reward based, ovvero una raccolta fondi che, in cambio di donazioni in denaro, prevede una ricompensa o un riconoscimento, come il ringraziamento pubblico sul sito o altre forme moderne di ringraziamento. La piattaforma scelta è Eppela, sito toscano tra i più noti in Italia principalmente per eventi di tipo artistico-culturale.

Per promuovere in modo accattivante il crowdfunding, l’Associazione ha deciso di realizzare un cortometraggio scritto e girato da Alberto Fabi e Mauro Silvestrini di Farm Studio Factory e l’associazione culturale teatrale Medem, coadiuvati dall’ufficio stampa Graffio Adv nelle persone di Stefano Rossi e Tamara Falaschi. Nel filmato, oltre a Batman, recitano anche Gianfranco Bellini e Fabrizio Fez Duca dell’Associazione... un risultato che non può che stupire!

Per una donazione basta una carta di credito o una ricaricabile, da venerdì 8 settembre alle ore 10 a questo indirizzo. Qui sotto, il filmato che lancia l’iniziativa:


lunedì 31 luglio 2017

I fumetti di san Francesco in mostra a Villa Verucchio

Si intitola “San Francesco: storia di una esperienza di Dio” l’itinerario espositivo dedicato al Poverello di Assisi nel Convento dei Frati Minori di Villa Verucchio (RN)... a poche centinaia di metri da dove viene stampato ogni mese FdC.

A cura del festival Cartoon Club in collaborazione con Water Team, l’iniziativa celebra la Festa del Perdono di Assisi che ricorre ogni anno nei giorni del 1° e 2 agosto con un’originale rilettura a fumetti della vita del Santo e della sua straordinaria esperienza spirituale.

L’esposizione resterà aperta a ingresso libero per tutto il mese fino a giovedì 31 agosto e propone una selezione di comics da tutto il mondo sulla vita e le opere del Patrono d’Italia. Un excursus originale e suggestivo, proposto in diversi quadri, che prende le mosse dal fumetto italiano del dopoguerra, tra storia, leggenda e fascinazione, come nel caso de “La leggenda della pietra bianca” di Franco Caprioli pubblicato su il Vittorioso (1963).

A raccontare per illustrazioni l’esperienza di san Francesco si sono succeduti, con accenti e modalità diverse, Giacinto Gaudenzi e Francesco Gamba, un giovane Gianni De Luca, Renato Frascelli, Gino Gavioli e i più recenti Alberto Azzimonti e Simone Delladio. In mostra anche tavole di Dino Battaglia, del notissimo Altan, le recentissime versioni di Luca Salvagno e Roberto Battestini, l’autore pescarese già vincitore del Premio “Fede a Strisce” nel 2009 e 2010 di Cartoon Club. Ed è ispirato al film di Franco Zeffirelli Fratello Sole, Sorella Luna (1972) il fumetto Marvel St. Francis, brother of universe (1980), realizzato da John Buscema e scritto da Marie Severin. 

Accompagna la mostra su San Francesco una sezione dedicata a santa Chiara, anch’essa proposta a fumetti. Diversi autori si sono soffermati sulla vita e le scelte della religiosa, collaboratrice di Francesco d’Assisi e fondatrice dell’ordine delle monache clarisse, patrona della televisione e delle telecomunicazioni.

sabato 29 luglio 2017

“Fumo di China” n.264/265 in edicola e fumetteria

Come ogni estate, è arrivato nelle migliori edicole e fumetterie d’Italia il nuovo doppio estivo FdC n.264/265 con un’altra splendida copertina inedita di Umberto Sacchelli (provate anche questa volta a riconoscere tutti i personaggi: ce la fate?)... che festeggia il 300° numero di sempre in 40 anni di pubblicazioni con ben 16 pagine in più!

Dopo un editoriale con un breve riassunto delle tre incarnazioni della rivista e le tradizionali news dal mondo (Italia, Francia, Stati Uniti e Giappone, più la nostra top 5 sui migliori tweet del settore), la scelta delle nostre migliori 40 copertine e le 20 statistiche più curiose (quante interviste, autori, personaggi, argomenti, cronologie, reportage... abbiamo pubblicato) apre l’ormai noto dossier sui 40 anni di FdC (scaricate sul nostro nuovo sito l’index 1978-2017 con l’elenco di tutti gli autori e i personaggi di cui abbiamo parlato fin qui in questi decenni!) che ci accompagnerà fino allo scoccare della ricorrenza a febbraio 2018, seguito dall’intervista ad Andrea Plazzi (uno dei 4 fondatori della rivista, insieme a Franco Spiritelli, Andrea Magoni e Mauro Marcheselli).

Spazio poi all’ulteriore, prezioso dossier-riflessione “Da anonimi a divi” di Marcello Toninelli sull’evoluzione degli autori di fumetto nel mercato italiano, per poi incontrare gli autori della striscia Paptusi che d’ora in avanti ci accompagnerà ogni mese: lo sceneggiatore Davide Barzi (insieme al direttore Stefano Lampertico del mensile di strada Scarp de’Tenis) e i disegnatori Luca Usai e Gianfranco Florio (che ci danno anche qualche anteprima sui nuovi fumetti delle DuckTales in uscita a settembre insieme alla nuova serie tv animata Disney).

Poi il lungo inserto di 8 pagine con un’intervista inedita a Carlos Trillo (scomparso nel 2011 ma ancora a tutti ben chiaro nella memoria), in cui il grande sceneggiatore e storico del fumetto argentino racconta e si racconta a cavallo fra i due Paesi al di qua e al di là dell’Atlantico. Quindi un’intervista a Paola Camoriano sulla sua carriera a tutto tondo ormai ventennale e un approfondimento sul nuovo fumetto Dragon Ball Super (della cui serie tv animata sono stati proiettati in anteprima italiana gli episodi nn.28-29 al festival Cartoon Club di Rimini dello scorso 17-23 luglio), i primi 50 anni di Rocky Joe, il punto “zagoriano” con le iniziative dello SCLS Magazine, i 40 anni della Smemoranda in un’intervista esclusiva con il direttore di sempre Nico Colonna, un bellissimo volume sugli Urania di Giuseppe Festino e Oscar Chichoni, nonché sulla cucina nei romanzi di EmilioSalgari, per concludere con un reportage esclusivo dal Festival Internazionaledei Film d’Animazione di Annecy!

E ancora, le nostre abituali 7 pagine di recensioni per orientarsi nel mare magnum del fumetto proposto nelle edicole, fumetterie e librerie italiane, le rubriche pungenti come “Strumenti” (sulla sempre più numerosa saggistica dedicata a fumetto, illustrazione e cinema d’animazione), “Il Suggerimento” (per non perdere di vista uscite sfiziose), “Il Podio” (i top 3 del mese), “Pollice Verso” (un exploit in negativo), “Letture d’Oltralpe” (sulle uscite francesi, fra cui vi segnaliamo il meglio secondo noi), “Il Rinoceronte in carica” (la rubrica di Daniele Daccò, direttore editoriale del portale giornalistico Orgoglio Nerd), approfondimenti puntuali (questa volta sul libro Buffalo Bill. L’uomo, la leggenda, il West dedicato al vero “re delle fake news”, il film animato Doraemon: Nobita e la nascita del Giappone in home video, la splendida mostra “Comics! Mangas! Graphic Novels!” a Bonn e il volume Pinocchio & Pinocchio di Vinicio Berti)... e le strisce di Renzo & Lucia, con testi & disegni di Marcello!

Tutto questo e altro ancora (anche acquistabile via PayPal dal nostro sito rinnovato!), a soli 5 euro: buona lettura!

lunedì 24 luglio 2017

XXXIII Cartoon Club a Rimini, 115 mila presenze

XXXIII Cartoon Club ha chiuso ieri con pieno successo anche l’edizione 2017: il Festival internazionale del Cinema d’Animazione, del Fumetto e dei Games si è tenuto con il XXI Riminicomix raggiungendo 115 mila presenze tra piazzale Fellini e le inedite location del Teatro Galli e Castel Sismondo.

9 lungometraggi, 6 premi, 9 mostre, oltre 80 ore di cortometraggi in animazione, 3 mila iscritti alle gare della XIII Cosplay Convention tra singoli e gruppi, per un totale di oltre 5 mila partecipanti, anche da Germania, Francia e Austria. In 55 hanno partecipato alla prima edizione del Festival canoro non competitivo. E poi anteprime nazionali come due episodi di Dragon Ball Super e anteprime mondiali come 3 opere a fumetti non ancora pubblicate nella mostra “Arrivano dal mare”, 12 incontri con gli autori, albi a fumetti inediti, presentazioni e aperitivi nel clima familiare che contraddistingue da sempre l’evento riminese.

Non poche le sorprese: all’incontro dedicato a Zagor tra il pubblico sono intervenuti anche due appassionati provenienti dall’Argentina, che gli autori del fumetto hanno quindi voluto premiare con un disegno e un libro autografati. Alfredo Castelli ha rivelato che, oltre alla serie mista fra live action e animazione I misteri di Mystère su Sky Arte HD, la nuova stagione porterà anche uno sceneggiato radiofonico dedicato al Buon Vecchio Zio Marty su Radio 24.

Alla “maga della plastilina” (ben nota fin dai tempi di Carosello) Fusako Yusaki, nata in Giappone nel 1937 e che dal 1964 vive e lavora a Milano, è andato il Premio Cartoon Club alla carriera (immagine in alto).

Il XXI Premio “Signor Rossi” per film d’animazione realizzati dagli studenti delle scuole di cinema d’animazione internazionali è stato assegnato (dalla giuria formata da Andrzej Roman Jasiewicz, Francesco Mariotti, Anna Lucia Pisanelli, Jerzy Kucia e Natalia Talkowska) a The Switchman di Mehdi Khorramain (Iran, 2016) per la qualità del soggetto, l’originalità del tratto, la fluidità dell’insieme e l’ottima sincronizzazione tra musica ed immagini.

Il VII Premio Cartoon Club è stato assegnato (in giuria Nedo Zanotti, Maurizio Forestieri, Marino Guarnieri, Franco Serra e Fusako Yusaki) a Aenigma di Aris Fatouros e Antonis Ntoussias (Germania, 2016), per l’efficacia grafica e il contesto narrativo generale, supportato da idee visive di particolare efficacia.

Il Premio Cartoon Kids è stato assegnato (da una giuria di oltre 300 bambini) ad Arthur - The stray dog (Germania, 2017) di Irina Moroz e Sebastian Fischer, studenti della Hochschule Hannover University of Applied Sciences and Arts.

Il VIII Premio Cartoon Junior è stato assegnato (in giuria Emiliano Fasano, Paolo Pagliarani, Loris Cantarelli) a Le Saut de l’ange del gruppo di adulti e bambini Camera-etc (Belgio, 2016) per la compattezza di narrazione, grafica e animazione.

Il XXI Premio Franco Fossati per i saggi italiani sul fumetto (con Gianni Brunoro, Luca Boschi, Giulio C. Cuiccolini, Luigi F. Bona e Paolo Guiducci in giuria) è stato assegnato al saggio Graphic Novel (Tunué) di Andrea Tosti “per la monumentale dimensione di un’opera dal titolo pur icasticamente semplice, intesa a indagare un filone evolutivo del fumetto considerabile attualmente come il livello più maturo della sua capacità espressiva”, con menzione speciale al saggio La seduzione dell'immagine curato da Francesco De Nicola (Gammarò), “per la zelante documentazione dei principali fra le centinaia di articoli di Claudio Bertieri”.

Il XIII Premio Fede a strisce “Roberto Ramberti”, riconoscimento unico in Italia ai fumetti che sanno meglio comunicare i valori religiosi, è stato assegnato (dalla giuria formata da Stefano Gorla, Alessandro Bottero, Giulio C. Cuccolini, Paolo Guiducci) al vol.13 di Don Camillo a fumetti “La fanciulla dai capelli rossi” (ReNoir Comics) di Davide Barzi e Alberto Locatelli tra gli autori, con menzione d’onore ai più recenti Rat-Man nn.113-121 di Leo Ortolani (Panini Comics) e Caterina da Siena di Andrea Meucci e Giorgio Carta (Kleiner Flug).

Qui sotto un’intervista al 38enne Marco Regina, lead animator in forza alla DreamWorks di Los Angeles e protagonista di un’apprezzata masterclass nei giorni del festival: 

mercoledì 19 luglio 2017

XXXIII Cartoon Club, inizia XXI Riminicomix

Si riaccende domani l’anima più giocosa e colorata del 33° Cartoon Club, il Festival Internazionale del Cinema d’Animazione, del Fumetto e dei Games fin dal 1985 a Rimini.

Nello storico parco Fellini, nel cuore di Marina centro, da giovedì 17 luglio torna la XXI Riminicomix (fino a domenica 23 luglio, come sempre dalle ore 17 alle ore 24), la più grande mostra mercato dell’estate italiana, interamente a ingresso gratuito! Concerti dal vivo, anteprime editoriali, collezionismo, antiquariato, incontri con gli autori, performance, spettacoli e l’attesa XIII Cosplay Convention con migliaia di partecipanti da tutto il mondo.

A Riminicomix ci si potrà anche fare immortalare in una fedelissima e sorprendente riproduzione 3D. Merito del riminese Luca Miserocchi e della sua Bottega dello Scultore. Grazie alle più recenti applicazioni tecnologiche di esecuzione trimensionale, i cosplayer in costume, ma anche i semplici appassionati e curiosi, potranno avere il proprio mini-me. La Bottega dello Scultore avrà il suo stand nei pressi della celebre Fontana dei Quattro Cavalli.

L’intero programma di proiezioni, anteprime e incontri con gli autori è disponibile a questa pagina, oltre alle numerose novità editoriali raccolte a quest’altra pagina. Buon divertimento, qui sotto con la canzone ufficiale della più grande mostra mercato a ingresso libero nel Bel Paese!




domenica 16 luglio 2017

“Fumo di China” e le novità editoriali a Cartoon Club

Anche quest’anno, in occasione del XXXIII Cartoon Club, il Festival Internazionale del Cinema d’Animazione, del Fumetto e dei Games di Rimini che contiene la XXI mostra mercato Riminicomix, oltre ai laboratori mattutini “Fumetti on the Beach” (al Bagno 26, sul Lungomare Tintori 30) e agli incontri pomeridiani con gli autori (alla Palazzina Roma, in piazzale Fellini 3) il fumetto sarà protagonista con due albi inediti e in anteprima il doppio numero estivo FdC n.264/265.

I due albi inediti targati Cartoon Club (una tradizione avviata nel 2001 da una storia speciale del Rat-Man di Leo Ortolani) quest’anno vedranno un gustoso crossover bonelliano fra Martin Mystère e i Bonelli Kids, che faranno il loro esordio su carta con una storia inedita di 12 pagine a colori in un’avventura scritta da Alfredo Castelli e disegnata da Luca Bertelè (con ospiti speciali diversi altri ben noti personaggi del fumetto mondiale!), e la prima avventura italiana di Josif, il gorilla cosmonauta creato da Fabiano Ambu e Davide Barzi in un albo speciale da collezione con i disegni di Alberto Locatelli (che indaga il curioso nesso fra gli spregiudicati esperimenti del programma spaziale sovietico e la lunga pausa del regista Federico Fellini alla fine degli anni Cinquanta: una storia d’ambientazione romagnola e dal gusto inevitabilmente amarcord!).

Il doppio numero estivo di FdC n.264/265 – che festeggia il 300° fascicolo di sempre, nel pieno dei festeggiamenti per i 40 anni di vita editoriale, con una dose extralarge di interviste, approfondimenti, recensioni e curiosità sul settore, in particolare l’ingresso in pianta stabile della striscia a fumetti Paputsi e un inserto con una lunga chiacchierata inedita con lo storico autore del fumetto argentino Carlos Trillo, scomparso nel 2011 – sarà disponibile in anteprima rispetto alla regolare distribuzione nelle migliori edicole e fumetterie d’Italia che avverrà a fine mese.

Inoltre saranno disponibili nuovi quaderni della preziosa linea Kabinett (realizzati da Agenzia NFC con grafica di qualità, interno in pregiata carta uso mano avorio 100 g/mq) dedicati al Rat-Man di Leo Ortolani, Vanessa Cardinali, Josif di Fabiano Ambu & Davide Barzi, Davide Frisoni in arte Friba Art, Marco Bolognesi, Michele Targonato, Massimo Modula, Gianluca Costantini.

A questo si aggiungono due cartoline di Vanessa Cardinali e Fibra Art contenute in un folder ufficiale da collezione realizzato da Poste Italiane a supporto degli annulli filatelici previsti per le date del 17 e 20-23 luglio, stampate nella quantità di mille esemplari, più un ulteriore set di tre cartoline firmate da Vanessa Cardinali, Friba Art, Fabiano Ambu.

Ulteriori ospiti speciali, l’albo “Solo per il tuo occhio” della serie The Cannibal Family creata da Stefano Fantelli e Rossano Piccioni che sarà dato in omaggio ai partecipanti all’incontro con gli autori e il debutto cartaceo per Edizioni Inkiostro di Hangar 66 di Max Bertolini (che esordì su FdC oltre 25 anni fa!), il primo “social comic” in cui autore e lettori partecipano alla creazione di un mondo.

Al centro dello storico Parco Fellini, di fronte al celebre Grand Hotel nel cuore della zona di Marina centro, nei giorni dal 20 al 23 luglio si terrà la XXI mostra mercato Riminicomix (come di consueto aperta dalle ore 17 alle ore 24), tuttora la più grande a ingresso gratuito in Italia. Concerti dal vivo, anteprime editoriali, collezionismo, antiquariato, incontri con gli autori, albi a fumetti inediti, performance, spettacoli come la XIII Cosplay Convention con migliaia di partecipanti da tutto il mondo...

Per tutti i dettagli, l’intero programma è disponibile qui.

venerdì 14 luglio 2017

“Arrivano dal mare”, in mostra a Rimini

“Arrivano dal mare: Storie a fumetti di viaggi e speranze, migranti e pescatori” è il titolo della grande mostra che il XXXIII Cartoon Club di Rimini propone, dal 17 al 23 luglio, presso le sale quattrocentesche di Castel Sismondo (come ogni iniziativa del festival da sempre a ingresso libero). Un’occasione imperdibile per scoprire autori, storie, personaggi che hanno raccontato il mare attraverso la Nona Arte.

Tra i vari titoli proposti, la mostra vanta ben tre anteprime mondiali: le prime 5 tavole del romanzo a fumetti Illegal di Eoin Colfer, Andrew Donkin e Giovanni Rigano (Hodder Publishing), alcune pagine della miniserie Liberté di Alessandro Di Virgilio e Michela Cacciatore (presto in uscita per Editoriale Aurea: in basso un breve filmato), e qualche gustoso assaggio della nuova serie sull’immortale Sandokan (che vedrà presto la luce per Star Comics).

Le aree tematiche della mostra saranno: Pirati, Adattamenti, Migranti, Supereroi, Avventurieri, Mostri marini, più una sezione dedicata a Vanessa Cardinali, che ha realizzato la locandina per la mostra, oltre a quella per l’intero festival.

Una speciale attenzione merita la sezione “Sulla stessa barca: Il mondo del fumetto incontra i popoli in fuga”, che propone una selezione delle opere realizzate da fumettisti italiani e raccolte dall’Associazione Culturale FumettomaniaFactory in seguito ai tragici eventi del 3 ottobre 2013: quel giorno, almeno 368 naufraghi persero la vita nei pressi del porto di Lampedusa. La vendita dei cataloghi del progetto andrà a finanziare attività per i migranti che sbarcano in Sicilia.

Venerdì 21 luglio alle ore 19.15, il curatore Matteo Laudiano con il collaboratore Maurizio Carnago presenteranno la mostra al pubblico presso la Palazzina Roma, in via Luci del Varietà. Vi aspettiamo! 


mercoledì 12 luglio 2017

Tornano Cartoon Club e Riminicomix

Annunciata stamattina in conferenza stampa la XXXIII edizione di Cartoon Club, il Festival Internazionale del Cinema d’Animazione, del Fumetto e dei Games, che a Rimini dal 17 al 23 luglio raddoppia le location, incrementando l’offerta con ancora più eventi del solito.

La sua anima di Festival del Cinema si riaccende nell’elegante e suggestiva location di Castel Sismondo, cuore del centro storico di Rimini, con una programmazione più vicina al mondo dell’animazione e del fumetto visti dal loro interno, attraverso mostre, proiezioni, anteprime, incontri con gli autori, presentazioni e i coinvolgenti aperitivi al Castello... tante iniziative e anteprime impossibili da riassumere in poche righe: tutti i dettagli qui. Tra le novità, un esclusivo annullo postale dedicato al festival, il cui manifesto quest’anno è firmato da Vanessa Cardinali!

L’anima più giocosa e commerciale tornerà invece come sempre nello storico Parco Fellini, nel cuore di Marina centro, con la XXI mostra mercato Riminicomix (dal 20 al 23 luglio, come di consueto aperta dalle ore 17 alle ore 24), tuttora la più grande a ingresso gratuito in Italia.

Concerti dal vivo, anteprime editoriali, collezionismo, antiquariato, incontri con gli autori, albi a fumetti inediti (quest’anno con il gorilla cosmonauta Josif e Martin Mystère che incontra i Bonelli Kids!), performance, spettacoli come la XIII Cosplay Convention, con migliaia di partecipanti da tutto il mondo. L’intero programma è disponibile qui

Qui sotto uno dei momenti da sempre più caratteristici del festival, le mattinate di “Fumetti on the Beach” con i disegnatori ospiti in una stazione balneare!