mercoledì 29 aprile 2015

Asta italiana di fumetti, a Parma il 6 giugno

Torniamo a parlare di aste di fumetti, grazie a Urania Casa d’Aste che ha reso disponibile a questo link il nuovo catalogo per la prossima asta dedicata ai Maestri del Fumetto e dell’Illustrazione in programma sabato 6 giugno 2015 a Parma, presso il locale Circolodi Lettura (via Melloni 4/a).

Come sempre, oltre alla presenza diretta in sala sarà possibile partecipare all’asta tramite offerta scrittatelefonica e on line sulle piattaforme digitali LiveAuctioneersDrouotLive.

Tra i lotti d’asta, alcuni pezzi pregiati come gli originali di copertina per il volume Histoire du Transperceneige di Nicolas Finet, edito dalla francese Casterman nel 2013 a ripercorrere la nascita e realizzazione del celebre Le Transperceneige di Jacques Lob e Jean-Marc Rochette nel 1983, pietra miliare nella storia del fumetto di fantascienza, in occasione della trasposizione cinematografica Snowpiercer del regista coreano Bong Joon-ho.

Non mancano naturalmente nomi italiani, come il sempreverde Milo Manara, di cui vedete qui sopra Miele allo specchio, realizzato in tecnica mista su cartoncino, per la firma di lingerie italiana Yamamay, che usò le affascinanti donnine del maestro lusonese (primo “Magister” della nuova impostazione del festival Napoli Comicon che apre giusto domani, con il nostro direttore editoriale Loris Cantarelli presenta ad alcuni dibattiti) al pari di altri storici marchi come Chanel e Permaflex.

Una domanda per Zerocalcare, con aNobii

Come noto, Zerocalcare con il suo graphic novel più recente Dimentica il mio nome, presentato in anteprima su FdC n.231 con una lunga intervista, è nei 12 candidati al Premio Strega.

Oltre alle presentazioni-fiume in cui si trova per ore a dedicare le proprie opere (lo scorso ottobre a Milano segnò il record di 13 ore consecutive), il 32enne autore romano ora si trova coinvolto nell’iniziativa “Una domanda per Zerocalcare” del social network aNobii dedicato ai libri (e che in un analogo evento aveva coinvolto Daniel Pennac).

Iscrivendosi al gruppo, si può formulare una domanda diretta e attendere sul blog la risposta... che avverrà tramite un disegno!

Gli organizzatori hanno segnalato che “La discussione resterà aperta fino a giovedì 7 maggio, dopodiché faremo una scelta tra le domande che ci avrete suggerito e ne sottoporremo 10 all’autore, il quale ci farà avere le sue risposte che pubblicheremo sul blog. Come già fatto in passato, vi pregheremmo di limitarvi a una singola domanda per ciascuno, di modo da rendere più agevole la scelta finale”.

Un modo senz’altro originale (e ancora una volta, unico) per aumentare la diffusione del fumetto. Qui sotto, un filmato in cui Michele Rech scolpisce i suoi Cinque Comandamenti che applica nel suo lavoro:

martedì 28 aprile 2015

Anche Dragon Ball in una nuova serie tv animata

Il glorioso studio giapponese Toei Animation (che ha firmato realizzato gli adattamenti anime di numerosi manga, in particolare di genere mahō shōjo e mecha aumentandone a dismisura la popolarità) ha annunciato la produzione di Dragon Ball Super, nuova prima serie tv del personaggio ideato da Akira Toriyama dopo quasi vent’anni dalla precedente.

La vicenda sarà cronologicamente situata dopo gli avvenimenti descritti nel film uscito da pochi giorni in Giappone e messa in onda sul piccolo schermo nipponico nel prossimo luglio.

“Avendo amato Dragon Ball fin dall’infanzia, è molto eccitatne essere parte di questo progetto”, ha dichiarato Osamu Nozaki, produttore per Fuji Television. “Toriyama ha sviluppato un soggetto che non è soltanto un sogno divenuto realtà per i milioni di fan di Dragon Ball, ma ciò che lo porterà a una nuova generazione di spettatori”.

Per l’occasione la serie animata sarà scritta e supervisionata da Toriyama stesso, con la regia di Kimitoshi Chioka, già responsabile della trasposizione in anime di Kitaro dei Cimiteri (2008), dal manga Shigeru Mizuki datato 1959.

lunedì 27 aprile 2015

Fiction & Comics: fantasy, fantascienza e fiabe

Dopo il successo delle prime edizioni dedicate al mondo dei fumetti, tocca anche agli autori di narrativa fantastica: sono aperte le iscrizioni a Fiction & Comics, il concorso sulla fantasia e l’immaginazione realizzato da ilmiolibro (il sito del GruppoEditoriale L’Espresso che consente a tutti di creare e pubblicare il proprio libro ed e-book, con oltre 30 mila titoli in catalogo, di cui 5 mila e-book) in collaborazione con Scuola Internazionaledi Comics

Il concorso, aperto a tutti i professionisti e appassionati senza limiti di età, è suddiviso in quattro sezioni: Fumetti, Fantasy, Fantascienza, Fiabe: possono partecipare le opere pubblicate dagli autori su ilmiolibro entro il 30 agosto 2015. In palio premi da mille euro ed esclusivi workshop nella sede di Chicago della Scuola di Comics, nonché tanti altri riconoscimenti per autori e lettori.

La partecipazione è gratuita. Per iscriversi gli autori devono pubblicare la propria opera sulla piattaforma ilmiolibro entro il 30 agosto 2015. Per la sezione Fumetti concorrono storie a fumetti, raccolte o antologie (comprese strisce umoristiche, vignette e graphic novel) di ogni genere, argomento e stile. Per le sezioni Fantasy, Fiabe e Fantascienza concorrono testi di narrativa (romanzi o racconti) appartenenti ai generi fantasy, fantastico o di fantascienza, fiaba. La stessa opera non potrà essere iscritta contemporaneamente in più sezioni, ma gli autori potranno partecipare al concorso anche con più opere.

La selezione dei finalisti sarà a cura di una giuria di esperti della Scuola di Comics. Anche i lettori potranno prendere parte attivamente alla prima selezione, leggendo gratuitamente le opere in gara e contribuendo così all’accesso alle finali dei partecipanti. Verranno inoltre prese in considerazione le attività di promozione della propria opera da parte degli autori, sul sito e sui social media.

Ulteriori dettagli qui.

domenica 26 aprile 2015

Lupin III in una nuova serie animata... in Italia!

In occasione del MIPCOM di Cannes, principale fiera europea di presentazione dei progetti televisivi, è stato annunciata una quarta serie animata del celebre Lupin III, a trent’anni dall’ultima apparizione e tre anni dopo il breve (ancorché raffinatissimo) spin-off in 13 episodi Lupin III: La donna chiamata Fujiko Mine.

La serie avrà un’ambientazione a cavallo fra Italia e San Marino e sarà proprio il Bel Paese a ospitarne l’anteprima mondiale, la prossima estate sulle reti Mediaset (in Giappone andranno in onda a ottobre).

Katsuhiko Katō in arte Monkey Punch, autore nel 1967 del manga underground che vide l’esordio del nipote di Arsène Lupin, ha seguito la produzione con il capo regista Kazuhide Tomonaga, già principale animatore del capolavoro Lupin III: Il castello di Cagliostro (1979) diretto dal grande Hayao Miyazaki.

Dalla prima immagine si nota come cambierà ancora il colore della giacca di Lupin, che dopo le prime serie verde, rossa e rosa, nella nuova sarà azzurra... come i colori dei Savoia e di riflesso del Paese che già nel 1994 e poi con la collana Lupin III Millennium ha visto episodi inediti del “ladro gentiluomo”.

Di seguito il trailer della serie:

sabato 25 aprile 2015

“Bandierine”, un (altro) fumetto sulla Resistenza

Da tempo anche il fumetto fa la sua parte per tenere viva la memoria della Resistenza al totalitarismo in Italia (e non soltanto), come esplorato anche in un bel volume riassuntivo di qualche anno fa, fino a questo 70° con ulteriori presentazioni nel Bel Paese.

In particolar modo per i ragazzi dai 10 ai 14 anni, Silvia Barsotti (proprietaria di una libreria di fumetti), Stefano Gallo (ricercatore di storia contemporanea) Andrea Paggiaro alias Tuono Pettinato (affermato autore di fumetti) hanno ora raccolto in Bandierine, tutta una storia di resistenze (della casa editrice Barta di San Giuliano Terme, “a metà strada tra Lucca e Pisa”) 7 episodi di lotta al fascismo e al nazismo fino alla nascita della Repubblica uniti da un’unica cornice, ambientata ai nostri giorni.

A illustrare le storie, i giovani talenti Lorenza De Luca, La Tram, Emanuele Messina, Fabio Ramiro Rossin, Sakka, Emanuele Tonini; le tavole di raccordo sono firmate da Francesco Guarnaccia e la copertina da Sergio Ponchione.

Il volume fa parte delle iniziative patrocinate da Carrara Show (evento a cui partecipa anche FdC), in programma dal 30 maggio al 2 giugno. Il 28 aprile una presentazione alle scuole, nella sala conferenze del centro direzionale di Carrara Fiere, vedrà la partecipazione dei curatori e dei rappresentanti delle istituzioni, fra cui il locale Istituto Storico della Resistenza. Alle ore 17.30, nella sala espositiva I Salotti, si inaugura la mostra con alcune tavole del volume.

venerdì 24 aprile 2015

“Amazing Fantastic Incredible”... Stan Lee!


Dopo aver creato gran parte dell’universo Marvel ed essersi pure tolto lo sfizio di reinventare quello della storica concorrente DC, il “sorridente” Stan Lee, 94 anni portati splendidamente, sta collaborando con il prolifico sceneggiatore Peter David e l’artista a tutto tondo Colleen Doran per creare la sua autobiografia (naturalmente) a fumetti, annunciata come “la storia di come i sono nati i comics moderni” (e, al di là dell’inevitabile marketing, c’è molto di vero... bello o brutto che sia).

Rivelato 10 giorni fa dalla stessa Doran, Amazing Fantastic Incredible - A Marvelous Memoir (titolo che ovviamente cita i roboanti aggettivi da sempre abbinati a Spider-Man, la famiglia di Reed Richards e Hulk) uscirà il prossimo ottobre come graphic novel cartonato da Simon & Schuster. Bill Farmer fornirà i colori, con lettering e assistenza artistica di Allan Harvey.

“Sono sorpresa ed elettrizzata dal fatto che Stan abbia voluto me per questo progetto”, ha comprensibilmente scritto l’autrice di A distant soil e Sandman, che ha anche rivelato di un volume “disegnato in uno stile più cartoon di quel che uso normalmente, ed è abbastanza divertente. Vorrei potervi mostrare qualcosa, ma non posso”.

Il “grande vecchio” del fumetto (non soltanto nordamericano) racconterà dal suo particolarissimo punto di vista la New York degli anni Venti e Trenta e l’ingresso alla Marvel Comics con i primi incarichi da tuttofare nel 1939, fino ai seminali anni Sessanta (in particolare quell’incredibile quadriennio dal 1961 al 1965, su cui si basa tuttora la quasi totalità dei prodotti della “Casa delle Idee”) e via via fino ai trionfi cinematografici e televisivi di oggi.

Qui la storica apparizione di Stan a Lucca nel 1976, trasmessa su Rai 2 da SuperGulp! il 12 maggio 1977, in un divertente “siparietto” con Luciano Secchi dell’editore italiano di allora, la milanese Editoriale Corno:

giovedì 23 aprile 2015

“Fumo di China” n.237 in edicola e fumetteria

Con la copertina edita in anteprima sul ritorno della Brigada di Enrique Fernàndez, sta uscendo in tutt’Italia FdC n.237 di aprile... dopo l’uscita in anteprima alla fiera di Torino Comics.

Dopo un editoriale tutto dedicato all’evento del nuovo (e ultimo?) episodio di Ken Parker inedito, dopo 17 anni (da sempre la saga più amata dai lettori di FdC) e le tradizionali news dal mondo (Italia, Francia, Stati Uniti e Giappone... più i 5 tweet più curiosi del mese), si apre il dossier fantsy con un’intervista esclusiva a David Rubin sui suoi Beowulf e Aurora West da poco in Italia, un’altra a Enrique Fernàndez (passato dal crowdfunding del primo al secondo volume di Brigada italiano edito da Tunué), e una terza a Stefano Vietti sul primo, epico incontro-scontro fra Dragonero e Zagor (che alla Fiera di Rimini con il disegnatore Gianni Sedioli ha presentato il prossimo 600° albo dello Spirito con la Scure) in uscita il prossimo fine luglio.

Poi spazio all’incontro con il “multitasking” Vittorio Pavesio e a due “estri all’estero” che ci fanno onore: Laura Braga (al lavoro su Witchblade e Superior Iron Man) e Theo Caneschi (da poco tradotto anche in Italia con i suoi Il Papa terribile e Il trono d’argilla), ma anche a Matteo Casali e Alessandro “Doc Manhattan” Apreda che ci presentano il loro “progetto Atomico” che ha appena trovato partner editoriale saldaPress.

Quindi un’analisi su scienza, filosofia e fumetti in tre libri da poco in libreria (in particolare su Batman) e una lunga intervista a Paolo Rinaldi (presidente dell’associazione La Nona Arte) sulle sfide attuali delle tavole originali e il collezionismo sui fumetti.

E ancora le nostre celebri 7 pagine di recensioni per orientarsi nel mare magnum del fumetto proposto nelle edicole, fumetterie e librerie italiane, le rubriche pungenti come “Il Suggerimento” (per non perdere di vista uscite sfiziose), “Il Podio” (i top 3 del mese), “Pollice Verso” (un exploit in negativo), “ControCorrente” (con il ritorno a FdC dell’ex redattore Davide Castellazzi), “Small Press Italia” (sulle produzioni indipendenti, a cura del Centro Fumetto “Andrea Pazienza” di Cremona), “Nuvolette Digitali” (l’ormai tradizionale rubrica sui fumetti on line, in costante crescita di qualità), “Letture d’Oltralpe” (sulle uscite francesi)... e l’approfondimento di questo numero, su Isao Takahata e Doraemon (un’analisi delle più recenti uscite in Blu-ray).

Tutto questo e altro ancora a soli 3,80 euro (prezzo bloccato fin dal 2008, con il nostro passaggio al full color): davvero, buona lettura!

mercoledì 22 aprile 2015

Pescia Fumetto & Dintorni, il 9-10 maggio per l’AVIS

Per avvicinare con nuove forme anche i più giovani al mondo della donazione di sangue ed emoderivati, la sezione di Pescia dell’Associazione Volontari Italiani del Sangue, con il patrocinio del Comune di Pescia e in collaborazione con CeSVoT e le associazioni culturali Tsubaki No Temple e Scrima Antiqua, dopo il successo della prima edizione ha deciso di replicare la convention Pescia Fumetto & Dintorni (l’unica italiana a ingresso gratuito... insieme a Riminicomix!).

I prossimi 9-10 maggio, in piazza del Grano, via Santa Maria e via dell’Acqua troveranno quindi spazio case editrici specializzate nella letteratura disegnata, produttori e distributori di giochi da tavolo e di ruolo, un palco per il doppio concerto di Porks in Bank e Alabarde Spaziali del sabato sera, il cosplay contest della domenica pomeriggio e la premiazione del concorso “Nuvolette di Generosità”, a cui hanno partecipato i bambini delle scuole elementari di Collodi (frazione di Pescia) realizzando storie a fumetti sul tema della donazione di sangue che saranno esposte in piazza. Sono inoltre previsti angoli riservati a disegnatori, sceneggiatori, romanzieri, poeti, per incontrare curiosi e appassionati, per autografare i propri lavori o regalare qualche disegno realizzato lì per lì.

Hanno confermato la partecipazione Giuseppe Palumbo (autore di punta su testate popolari come Diabolik e Martin Mystère, insegnante della Scuola Internazionale di Comics), Niccolò Storai (disegnatore della biografia a fumetti Che notte quella notte. Fred Buscaglione. Una vita swing e autore del manifesto 2015), Marcello Mangiantini (illustratore dello storico Zagor), Tuono Pettinato (autore di Nevermind e tanti altri volumi, oltre a serie a fumetti su Linus e Internazionale), Marcello Toninelli (autore delle divertenti versioni a fumetti come Divina Commedia e Promessi Sposi su FdC), Paolo Di Orazio (da sempre anima della rivista Splatter), Fabrizio Mazzotta (doppiatore di personaggi animati come Krusty il Clown nei Simpson, Eros in Pollon, Mizar in Goldrake Ufo Robot, fino al Puffo Tontolone) e gli autori dei collettivi di autoproduzione Mammaiuto e La Trama, più tanti altri che potete scoprire sulla pagina Facebook ufficiale.

Tra le mostre, la libreria del fumetto L’Elefante ospiterà una personale del bravissimo ma sconosciuto Sgamar, che si rivelerà una sorpresa per tutti, mentre alla Gipsoteca L. Andreotti sarà inaugurata “Piacere, Avis. E tu?” in cui fumettisti, pittori, illustratori e vignettisti spiegano con la loro arte l’importanza di donare sangue, nonché al circolo Arci La Fabbrica dell’Ossi verrà esposta “Storia di un Burattino”, dalla bella storia di Lelio Bonaccorso che affronta il tema dei migranti.

martedì 21 aprile 2015

Resistenza e fumetto, 25 aprile a Castel S. Pietro (BO)

Per il secondo anno consecutivo, la commemorazione del 25 aprile a Castel San Pietro (BO), in Piazza dei Martiri Partigiani, avrà un’anima a fumetti... tanto più che come noto quest’anno ricorrono i 70 anni della Liberazione italiana dal nazifascismo.


Il fumettista di lungo corso Roberto Baldazzini incontrerà il pubblico presentando il suo apprezzato graphic novel L’inverno di Diego, racconto autoconclusivo (ma idealmente primo di una quadrilogia sulla Resistenza, il cui tema legante sono le stagioni durante la Seconda guerra mondiale) che potete leggere in anteprima qui.

Il racconto è in primo luogo una storia di formazione durante i primi mesi di organizzazione della Resistenza partigiana, quando scoppiarono le tensioni familiari e sociali di vent’anni di dittatura fascista: un rito di passaggio, ancor oggi fonte di discussione, che cambierà per sempre una generazione inesperta alla vita come alla morte. Un graphic novel che è anche un vero e proprio atto d’amore dell’autore nei confronti della sua terra natale, dei suoi personaggi e delle storie che l’hanno attraversato nel biennio di guerra civile italiana, con una postfazione di Claudio Silingardi, direttore Insmli (l’Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia) e l’Istituto Storico di Modena.

Verranno inoltre esposti alcuni disegni di Baldazzini e i migliori fumetti e illustrazioni sul tema Liberazione e 25 aprile, realizzati degli alunni delle terze medie di Castel San Pietro.

Ulteriori informazioni alla pagina Facebook dell’evento e sul sito del nostro collaboratore Nicola D’Agostino, che presentò il volume su Panorama.

lunedì 20 aprile 2015

“Batman vs Superman”... insieme, anche al cinema

Dopo un primo filmato “rubato” con sottotitoli in portoghese (giusto a ridosso di quello per il prossimo Star Wars), venerdì è stato diffuso il primo teaser trailer di Batman v Superman: Dawn of Justice, il sequel di Man of Steel ancora diretto da Zack Snyder (dal cui account Twitter ha postato i due manifesti qui accanto) con lo scontro delle due più celebri icone DC.

La trama ricorda alcune storie “alternative” come Injustice e Absolute power degli ultimi anni dell’Uomo d’Acciaio, dato che una voce fuori campo dice che “il potere assoluto corrompe in modo assoluto” e si vede Kal-El che “Forse sta solo cercando di fare la cosa giusta”, come dice qualcuno, con uno stanco Bruce Wayne che guarda meditabondo il costume da Batman... prima che i due eroi si confrontino e l’Uomo Pipistrello, indossando un’armatura, domanda al figlio di Krypton “Dimmi, puoi sanguinare?” aggiungendo “Sanguinerai”.

Nel cast del film, che in USA uscirà il 25 maggio 2016, figurano Henry Cavill nei panni di Superman e del suo alter ego Clark Kent, Ben Affleck in quelli di Batman e Bruce Wayne... oltre Jesse Eisenberg (Lex Luthor), Amy Adams (Lois Lane) e soprattutto Gal Gadot (Wonder Woman), Jason Momoa (Aquaman)...!

Ecco qui di seguito il teaser:

domenica 19 aprile 2015

33° Saló del Còmic di Barcellona, i vincitori

Mentre in questo weekend ci siamo sdoppiati fra lo stand a Torino Comics con FdC n.237 in anteprima e alla Fiera di Rimini per Liberamente con l’anteprima di Cartoon Club a ingresso gratuito con lo Zagor di questo mese, ieri sera sono stati annunciati i vincitori (che vedete qui a fianco) del 33° Saló Internacional del Còmic de Barcelona, la fiera di fumetti più importante della Spagna.

La sorpresa è stata grande anzitutto per Enrique Sánchez Abulí, che ha ricevuto il Gran Premio forte del suo celebre Torpedo 1936 (di cui vi consigliamo i 5 cartoni italiani per Edizioni BD), ma anche per Santiago García e Javier Olivares (autori de Las Meninas, considerata Miglior Opera Spagnola) e Miki Montlló (premiato come Miglior Autore Rivelazione).

Onori anche per ThermoZero Cómics, premiata come Miglior Fanzine (appena in tempo, essendo al suo ultimo numero!), Ana Oncina con il suo debutto Croqueta y Empanadilla scelto come premio popolare di Miglior Opera, nonché l’ormai celebre Saga di Brian K. Vaughn e Fiona Staples come Miglior opera straniera (di cui l’editore italiano Bao Publishing ha proposto una variant cover del vol. 4 firmata da Massimo Carnevale).

Naturalmente anche nella città catalana è stata vissuta in diretta la Star Wars Celebration, che vi mostriamo nel filmato qui sotto:

sabato 18 aprile 2015

“Star Wars”, la Forza si risveglia anche a fumetti

Fin dal 1977, a ridosso dell’uscita del film originale di Star Wars iniziarono i primi fumetti che prima adattarono e poi espansero a dismisura (insieme a romanzi, animazioni e videogiochi) l’universo creato da George Lucas e collaboratori (in particolare le splendide visualizzazioni iniziali di Ralph McQuarrie).

Come a ogni nuova uscita cinematografica, anche quest’anno ci si prepara all’uscita del prossimo Episodio VII: Il risveglio della Forza (che in Italia uscirà addirittura due giorni prima degli USA), di cui l’altro ieri è uscito il secondo teaser in cui s’intravvedono alcuni vecchi personaggi: la frase “Chewie, siamo a casa” è già diventata quasi proverbiale...

Tornati i diritti alla Marvel (nel 2009 acquistata dalla Disney, che nel 2012 ha acquistato anche la Lucasfilm), la nuova epoca dei fumetti di Guerre stellari negli Stati Uniti è partita a gennaio già con enorme successo e da giovedì 7 maggio (poco dopo lo Star Wars Day) anche in Italia, con un’anteprima al Napoli Comicon.

In edicola si alterneranno da Panini Comics due spillati da 48 pagine a cadenza bimestrale, che a settembre diverranno entrambi mensili: Star Wars, scritta da Jason Aaron e disegnata da John Cassaday con all’interno la miniserie Princess Leia di Mark Waid e Terry & Rachel Dodson e Darth Vader di Kieron Gillan e Salvador Larroca con anche la miniserie Kanan: The Last Padawan di Greg Weisman e Pepe Larraz.

Come in USA, anche nel Bel Paese gli albi di debutto saranno presentati in edizioni variant con 6 copertine ciascuno, oltre che con due cofanetti (che vedete qui sopra) per raccogliere il Lato Chiaro e il Lato Oscuro della Forza.

Qui sotto una presentazione delle testate più recenti:



venerdì 17 aprile 2015

Il “Caravaggio” di Milo Manara

Dopo 4 anni di lavoro, esce finalmente anche in Italia Caravaggio. La tavolozza e la spada, primo dei due volumi in cui Milo Manara racconta la biografia a fumetti del geniale Michelangelo Merisi in arte Caravaggio... ritratto con il volto del giovane amico Andrea Pazienza.

Nel volume si narra del suo arrivo a Roma alla fine del Cinquecento, fino alla rocambolesca fuga dalla capitale: le straordinarie tavole di Manara ne raccontano l’arte e le opere, ma anche le donne, la passione e gli eccessi. Un’opera rivolta agli appassionati di fumetto ma anche ai cultori della storia dell’arte, pubblicata da Panini Comics nella collana Panini 9L (che si legge come “novel”) in fumetteria e libreria dal 30 aprile in due formati differenti, Regular (cartonato 23,5 x 31 cm, 64 pagine, 16,90 euro) e Artist Edition (cartonato deluxe con inserti in tela ed effetto rilievo, 29 x 38 cm, 80 pagine, 49 euro, in solo mille esemplari).

Tra i contenuti speciali dell’edizione più ricca figura una lettera affettuosamente spiritosa, che lo stesso Manara ha voluto rivolgere direttamente al Maestro, svelando un piccolo aneddoto personale: “Molti anni fa, agli esami di maturità classica, il professore picchiettò con l’indice sulla copertina del libro di storia dell’arte dicendomi: ‘Mi parli di questo’. Sulla copertina c’era la vostra Canestra di frutta. Beh, feci un figurone, sapevo tutto di voi. Almeno tutto quello che uno studente poteva sapere, a quei tempi”.

“La storia del Caravaggio è raccontata da Milo Manara con grande rispetto della testimonianza delle fonti e della verità sostanziale di quella vicenda”, spiega nell’introduzione lo storico dell’arte Claudio Strinati. “Non è, infatti, una storia romanzata. Eppure Manara vi ha impresso il segno della sua creatività in modo netto e personalissimo. Il suo Caravaggio, pur riflettendo perfettamente quello storico, è, per l’appunto, suo, uno dei più bei personaggi creati dalla sua fantasia”.

Dopo la conferenza stampa ufficiale insieme al prof. Strinati e Sara Mattioli Bermejo della Panini, il lancio ufficiale dell’opera, alla presenza dell’autore, è previsto in occasione del prossimo Napoli Comicon, salone internazionale del fumetto dal 30 aprile al 3 maggio prossimi, il cui reportage sarà pubblicato su FdC n.238 di maggio.

Qui sotto il filmato promozionale in cui Manara presenta la sua opera più recente:

giovedì 16 aprile 2015

Wow Spazio Fumetto, la musica nei comicomics

Mentre ne parliamo anche sull’Annuario del Fumetto 2015 ora in edicola e fumetteria (oltre che a giugno in un lungo dossier su FdC n.239...), continuano gli appuntamenti organizzati in occasione della mostra Avengers: il mito, allestita presso WOW Spazio Fumetto, il Museo del Fumetto, dell’Illustrazione e dell’Immagine animata di Milano aperta fino al 31 maggio 2015. 

Sabato 25 aprile, alle ore 17, la redazione della rivista on line ColonneSonore.net presenta “Superhero sounds: la musica dei cinefumetti”, una speciale conferenza (ma anche vero e proprio seminario) dedicata alle musiche dei film dei supereroi, con un'attenzione particolare alle colonne sonore che accompagnano i film del cosiddetto “Marvel Cinematic Universe” creato dalla “Casa delle Idee” a partire da Iron Man (2008) e che include gli enormi successi di pubblico e critica dei film di Iron Man, Captain America, Hulk, Thor e quindi gli Avengers (con relative propaggini televisive, come Agents of SHIELD e il recentissimo Daredevil).

Il pubblico sarà guidato dai relatori Massimo Privitera e Maurizio Caschetto in un viaggio attraverso le opere più importanti scritte da alcuni dei compositori più celebri del panorama hollywoodiano contemporaneo come Danny Elfman e Alan Silvestri. Con esempi audio e video, sarà tracciata una storia musicale di questo unico e particolare genere cinematografico, che vide la sua genesi nel 1978 con l'adattamento per il grande schermo di Superman (musicato dal maestro JohnWilliams) e che vive e si evolve sino ai giorni nostri grazie ai film prodotti dai MarvelStudios.

Qui sotto il filmato composto riunendo in ordine cronologico delle vicende i tre trailer apparsi finora dell’ormai prossimo Avengers: Age of Ultron, che vedremo (giusto per voi!) in anteprima domani sera...



mercoledì 15 aprile 2015

SmacchiART, concorso di fumetto e illustrazione

Il marchio Vari.China è una webzine su Facebook ma anche un festival dedicato al fumetto d’autore che si tiene a Varignana (BO) il 4-5 settembre prossimi.

Per il secondo anno consecutivo organizza SmacchiART, il concorso aperto a tutti i maggiorenni appassionati di disegno, fumetto e illustrazione, professionisti e non. La partecipazione è gratuita. Il tema di questa edizione è  “I robot ve le suonano.

Si parla di robot perché l’edizione 2015 di Vari.China Festival abbraccerà questo tema. Si parla di musica per omaggiare il festival Musica Spinta che lo affianca e che quest’anno festeggia 10 anni. Ai partecipanti l’arduo compito di far convivere questi due mondi realizzando con il proprio stile, a tecnica libera, un’illustrazione o un fumetto (al massimo di 3 tavole) da inviare a questo indirizzo entro il 31 maggio.

A giudicarli una giuria di qualità composta da Andrea Plazzi (uno dei fondatori di FdC nel 1978, dal 1996 editor Panini di Rat-Man), Luca Vanzella e Luca Genovese (sceneggiatore e disegnatore di Beta per la Bao e freschi autori di Ringo per la Bonelli) e Nicola D’Agostino (articolista per Panorama) che stileranno una classifica.

I primi 30 lavori andranno a comporre il catalogo del concorso: tra questi, i primi 10 verranno riprodotti ed esposti durante il festival, e il vincitore oltre a vedere utilizzata la sua opera come copertina del catalogo e le locandine pubblicitarie, riceverà in premio materiale da disegno del valore di 100 euro.

Tutte le informazioni le trovate nel bando alla pagina Facebook.

martedì 14 aprile 2015

Torino Comics, la festa della fantasia

Da venerdì 17 a domenica 19 aprile al Lingotto Fiere torna Torino Comics, la manifestazione sul fumetto giunta alla XXI edizione e quindi la più longeva nel Bel Paese dopo Lucca Comics & Games e Cartoomics, su oltre 17 mila metri quadri nel Padiglione 2 per la parte espositiva, e il Padiglione 1 dedicato agli eventi dei cosplayer.

Leo Ortolani e Paolo Eleuteri Serpieri sono gli ospiti d’onore, oltre ad autori disneyani come Casty (presto intervistato da FdC), Paolo Mottura, Gigi Piras e Valerio Held, firme bonelliane come Luigi Piccatto, Pasquale Ruju, Nicola Genzianella e Gigi Simeoni, nonché fenomeni editoriali nati sul web come il dissacrante Don Alemanno e la giovanissima Fraffrog, oltre a uno spettacolo dei PanPers, duo comico torinese dal 2009 nel cast di Colorado su Italia 1.

Grande novità di questa edizione è il debutto del Torino Comics Horror Fest, in collaborazione con l’associazione Immaginaria Studios, sotto la direzione artistica del fotografo e regista James Garofalo all’insegna della paura e dello splatter, con protagoniste storiche pellicole horror e fantastiche del cinema italiano e non soltanto: per il trentennale del film Demoni di Lamberto Bava sarà presente Sergio Stivaletti, che ne curò trucco ed effetti speciali.

Inoltre si terrà il XVIII Premio Pietro Miccia, con giovani talenti della Nona Arte chiamati a una sfida fino all’ultimo tratto in una emozionante performance dal vivo. Quest’anno il premio è legato a un obiettivo nobile: sostenere la Limpopo Eco Operations (LEO) Africa, associazione non profit che si dedica attivamente alla tutela e difesa di rinoceronti neri e bianchi minacciati dai bracconieri.

Ben tre le mostre da non perdere: “L’origine dei manga” in collaborazione con la libreria Setsu-bun, le tavole vincitrici del concorso per giovani “Pazzi per il fumetto 2014” sul disagio fisico e mentale in collaborazione con la Scuola Internazionale di Comics e gli originali del portfolio “Dylan Dog: Monsters”  dell’Associazione La Nona Arte, il cui presidente Paolo Rinaldi intervistiamo su FdC n.237 che portiamo in anteprima al nostro stand E14 nel pad. 2...

E poi stage e workshop gratuiti con la Scuola Internazionale di Comics e la scuola di arte digitale Event Horizon, oltre ai gruppi di appassionati  Rebel Legion Italian Base e Italica Garrison 501st Legion sull’universo di Star Wars, i ragazzi di Jedi Generation, la Umbrella Italian Division con il loro set ispirato alla saga di Resident Evil, il fan club ufficiale Ghostbusters Italia con la loro fedelissima replica della base degli Acchiappafantasmi...

Ce n’è ben oltre la sufficienza per passare a trovarci, che ne dite? Vi aspettiamo!

lunedì 13 aprile 2015

Dentro allo Studio Ghibli, nei cinema italiani

Lo ha segnalato ufficialmente la compagnia di distribuzione Lucky Red su Facebook già sabato e stamattina con un tweet: nei giorni di lunedì 25 e martedì 26 maggio sarà finalmente nei cinema italiani Il Regno dei Sogni e della Follia, documentario realizzato nel 2013 da Mami Sunada sullo Studio Ghibli creato nel 1985 dai seminali registi giapponesi Hayao Miyazaki (Leone d’Oro al Festival di Venezia 2005 e Oscar alla Carriera nel 2014) e Isao Takahata (a cui Cartoon Club ha dedicato la sua miglior monografia).

Ottenuto il permesso di accedere quasi illimitatamente all’interno dello studio, la 37enne regista di Tōkyō ha seguito nel corso di un anno Miyazaki e Takahata insieme al produttore Toshio Suzuki (con loro nella foto dela locandina qui sopra) nel completare i loro ultimi capolavori, Si alza il vento e La storia della principessa splendente.

Con un ritratto intimo ed emozionante, il documentario ci offre per la prima volta l’opportunità di compiere un viaggio affascinante e indimenticabile all’interno di uno dei laboratori di animazione più amati al mondo... Un luogo unico dove il sogno e la passione rasentano la follia.

Qui di seguito il trailer italiano del film, che si annuncia davvero imperdibile: 


domenica 12 aprile 2015

Tintin e la Castafiore in una vera opera lirica

Già adattato in film e telefilm animati e dal vero (nonché recital teatrali), il celebre reporter Tintin creato dal belga Hergé sarà presto trasposto in una commedia lirica diretta da François de Carpentries (al centro della foto a fianco, intervistato qui) per l’associazione Opéra Pour Tous che quest’estate festeggia i suoi 20 anni di produzione di spettacoli allestiti davanti a celebri castelli (come è capitato più di una volta nelle più recenti edizioni del nostrano festival di Riminicomix...).

Per l’occasione, d’intesa con la società Moulinsart (che gestisce il patrimonio di Hergé), nel corso di una conferenza stampa lo scorso martedì 7 aprile al Museo Hergé, ha presentato la produzione Les Bijoux dela Castafiore, ovviamente ispirata all’albo omonimo, apparso su Le Journal de Tintin dal luglio 1961 al settembre 1962 e in volume Casterman nel 1963).

A interpretare il fotoreporter celebrato anche da Steven Spielberg è stato chiamato Amani Devos, mentre “l’usignolo milanese” Bianca Castafiore sarà interpretata dall’affascinante soprano Hélène Bernardy, in 8 rappresentazioni dal 17 al 27 settembre prossimo, nella cornice del castello della cittadina belga di La Hulpe.

Per saperne di più dell’opera originaria e tutti i dettagli sull’adattamento – con arie di Gioachino Rossini, Wolfgang Amadeus Mozart, Giacomo Puccini e Giuseppe Verdi fra gli altri – è stato approntato un intero dossier qui, mentre le informazioni sulle date, i biglietti e le prenotazioni sono disponibili a questo link.

Qui sotto una breve apparizione del personaggio nella serie tv animata: 

sabato 11 aprile 2015

“C4 Comic Meets the Web”, il 6-7 giugno a Sarzana

In collaborazione con Daniele Pignatelli della “libreria del fumetto” Comic House e il Comune di Sarzana (SP), il 6-7 giugno si tiene nella Fortezza Firmafede della cittadina ligure il primo evento targato C4 Comic, dove la redazione dell’intraprendente webzine incontrerà “quell’ampia fetta di mondo del fumetto che è indissolubilmente legata al web... e quell’altrettanto importante parte di web strettamente connessa al fumetto”.

Quando nacque C4 Comic, l’intenzione era la stessa che da sempre anima anche FdC: “divulgare, nel nostro piccolo, la cultura del fumetto”, con la lodevole attenzione di farlo “in modo mai pretenzioso e sempre consapevoli di essere i primi ad avere un’enormità di cose da imparare riguardo a questo mondo vasto e complesso, spesso relegato senza giustificazione al ruolo di comprimario della letteratura da persone che non riescono a intendere la diversità dei piani sui quali le due arti si sviluppano”.

Dalla constatazione alcuni operatori “di nuova generazione” come chi usa YouTube vengano spesso contattati soltanto per il numero di iscritti senza alcun’attenzione al contenuto, nacque l’idea di “colmare questo vuoto per un settore in forte espansione” con “un evento che in cui gli autori non fossero ospiti ma protagonisti”, e un tema ben definito su cui ciascuno potesse offrire il proprio contributo con interviste, tavole rotonde, workshop e sketch sessions”.

Insieme a Verticalismi, MammaiutoOrgoglio Nerd, Contatto Radio e Lega Nerd, anche FdC ha accolto favorevolmente l’idea, diventando media partner dell’evento: in questa pagina appariranno con regolarità articoli dedicati alla presentazione degli autori partecipanti, oltre naturalmente agli annunci ufficiali dei prezzi dei biglietti, del programma ufficiale e dei temi trattati da ciascuno.

venerdì 10 aprile 2015

“Viva Cavandoli”, una mostra imperdibile!

Oggi apre fino al 2 giugno 2015 presso il MusIL (Museo dell’Industria e del Lavoro) di Rodengo Saiano (BS) la mostra-evento “Viva Cavandoli”, un appuntamento imperdibile che vuol adeguatamente rendere omaggio ad Osvaldo Cavandoli, disegnatore del celebre cartoon La Linea, nata nel 1969 e per decenni legato a celebri spot tv per Lagostina, fino alla recente pubblicazione dellopera omnia in 4 dvd.

Punto di attrazione principale della mostra sarà l’esposizione di tavole con disegni originali realizzati da fumettisti e animatori storici e contemporanei: ogni autore, con il proprio stile e i propri personaggi, ha reinterpretato i disegni o la figura di Cavandoli, per un tributo originale e personale. 

Oltre 100 artisti nazionali ed internazionali di chiara fama hanno già aderito all’iniziativa.La mostra delle opere-tributo degli artisti sarà integrata da una serie di contenuti di approfondimento: l’esposizione di disegni originali realizzati da Cavandoli, di fotografie e materiali di lavoro originali (storyboard, bozzetti, memorabilia, oggettistica e altro ancora) per la realizzazione delle sue animazioni e video contributi con interviste agli artisti che hanno conosciuto il Maestro.

Per ulteriori informazioni vi rimandiamo al sito ufficiale e riportiamo qui sotto il bel documentario “Un artigiano dell’umorismo” (2000), realizzato su Osvaldo – fin dall’inizio grande amico di Cartoon Club e Riminicomix – dalla Provincia di Milano.

giovedì 9 aprile 2015

“Carta canta”, Alberto Becherini in mostra

Ancora commistioni feconde fra musica e illustrazione, fumetto e animazione.. che come noto ci piace indagare fin dal 2002 con il volume Carta canta pubblicato dal nostro editore nel settembre 2002 (e ancora disponibile). 

Al Cinema Caffé Lanteri in via San Michele degli Scalzi 46 a Pisa è tornato il progetto Rumorama (antologia musicale illustrata da 13 artisti italiani, ma anche un libro che raccoglie le loro tavole e un’esposizione itinerante), in particolare con il talento di Alberto Becherini in una bella mostra personale dal titolo emblematicamente punk “Who the fuck is Alberto Becherini”.

Il 30enne autore toscano, con un passato da operaio, da sei anni mette la sua passione per la musica al servizio come illustratore di band e alcuni dei più promettenti marchi di skateboard, abbigliamento e agenzie di marketing, mantenendo tuttavia viva e costante l’attività nel panorama underground italiano. Affascinato dall’estetica di tradizione americana, come si vede nella selezione di opere esposte, tratta dai cartoni animati e le pubblicità vintage, dalla Pop Art ai vecchi manifesti di band musicali alle quali è più legato, Becherini nelle sue illustrazioni rielabora tutto il suo background culturale con una grossa dose di humor nero che è un po’ il suo marchio di fabbrica; eppure il suo stile versatile lo rende adatto a ogni tipo di intento.

Il materiale presentato nell’esposizione consiste in una selezione di 20 lavori realizzati su commissione e poster ristampati su carta telata (in formato 50 x 70 cm) e appositamente incorniciati.

mercoledì 8 aprile 2015

Splash! Archivio Andrea Pazienza a San Severo

Sabato 18 aprile, a partire dalle ore 10, presso il MAT - Museo dell’Alto Tavoliere di San Severo (FG) sarà inaugurato Splash! Archivio “Andrea Pazienza”, un nuovo spazio completamente dedicato all’artista scomparso nel 1988 a soli 32 anni.

Il progetto nasce dalla necessità di creare sul territorio un centro di raccolta di pubblicazioni, albi, saggi, articoli giornalistici, materiale multimediale, riviste di settore, tesi di laurea e documenti vari riguardanti uno dei più grandi talenti del fumetto (e non soltanto) italiano.

L’archivio sarà a disposizione di tutti coloro che vorranno consultare tali documenti per motivi di studio o di interesse, e intende diventare un punto di riferimento per professionisti e amanti del fumetto, ponendo le basi per l’ideazione e l’organizzazione di eventi sul mondo dei comics e dell’illustrazione come convegni, dibattiti, mostre, iniziative didattiche, presentazioni di libri e altro ancora.

La giornata inaugurale sarà una vera e propria maratona di 12 ore non stop, durante le quali l’archivio sarà aperto e fruibile al pubblico e contemporaneamente si alterneranno numerosi eventi: live painting, performance, videoproiezioni, laboratori didattici, incontri con il pubblico e intrattenimento musicale.

Ospiti dell’open day saranno il fumettista Mario Milano, impegnato in un incontro pubblico sul tema “Fumetto e nuove generazioni” e in un live painting nel chiostro del MAT, e Michele Ginevra, coordinatore del Centro Fumetto “Andrea Pazienza” di Cremona (che da diversi anni collabora a FdC con la rubrica “Small Press Italia” di segnalazioni sul fumetto indipendente) che relazionerà sul tema “Nel nome di Andrea Pazienza: tra documentazione e investimento culturale”.


martedì 7 aprile 2015

A Tokyo statue di bronzo per manga e anime

Nerima è uno dei 23 quartieri speciali di Tōkyō... ma da pochi giorni ancora di più, visto che ha inaugurato una manciata di statue in bronzo molto particolari, all’esterno della stazione Oizumi-gakuen della linea metropolitana Seibu Ikebukuro, nel quartiere dove non a caso hanno la loro sede alcuni celebri studi come la Toei Animation e che ha fatto da sfondo a serie quali Doraemon e Ranma ½, oltre alla celebre autrice di quest’ultima Rumiko Takahashi che ha vissuto nella zona.

Queste statue hanno la particolarità di rappresentare a grandezza naturale personaggi di fumetti e serie animate di culto, come Lamù di Urusei Yatsura, Astro Boy di Tetsuwan Atom, Maetel e Tetsuro di Galaxy Express 999 e Joe Yabuki di Rocky Joe (che fra laltro da alcune settimane è in dvd nelle edicole italiane).

Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato gli autori di alcuni degli manga e anime più famosi: Leiji Matsumoto (creatore fra gli altri di Galaxy Express 999, Space Battleship Yamato, Capitan Harlock, che abbiamo intervistato in esclusiva nel 2013) e Rumiko Takahashi (ideatrice di Lamù, Ranma ½ e Maison Ikkoku), intervistati da Tokyo MX (lunico canale tv commerciale della capitale, ricevibile soltanto nella metropoli) nel video che qui riportiamo:

lunedì 6 aprile 2015

Un museo sugli anime a Fukushima

I turisti nella prefettura di Fukushima hanno finalmente qualcosa di meno macabro da visitare che i luoghi degli incidenti alla centrale nucleare dopo il terremoto e maremoto del 2011.

Pochi giorni fa è stato infatti aperto un Museo di Arte e Fantasia, fondato da una sussidiaria del celebre studio di animazione Gainax, che aprirà nello stesso luogo una filiale dal nome Fukushima Gainax.

L’obiettivo di far meglio conoscere gli anime e il luogo dov’è nato è stato confermato personalmente dal presidente Yoshinori Asao.

Le mostre nel museo e il processo di produzione degli anime, così come i disegni originali, sperano di portare almeno 30 mila visitatori all’anno. L’edifico è stato costruito sul luogo dove sorgeva la Sakura Junior High School, chiusa nel 2012... e, fra l’altro, sia il museo che lo studio stanno assumendo personale, quindi chi è interssato si può far avanti.

Diverse immagini dall’anteprima del festival di primavera e collaborazioni con l’Università delle Arti di Osaka si trovano in particolare su Twitter e sul sito ufficiale.